Forgot your password?
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • default color
  • green color
  • red color

Diritto.net

Home Avv. Paolo Alfano Informazioni giuridiche / Assegno di mantenimento anche al figlio maggiorenne
Informazioni giuridiche / Assegno di mantenimento anche al figlio maggiorenne PDF Print E-mail
Autore: Paolo Alfano   

Articolo tratto da Avv. Paolo Alfano, informazioni giuridiche

Cass. civ. Sez. III, Sent., 16-06-2011, n. 13184

Svolgimento del processo e motivi della decisione

1. Z.A. propone ricorso per cassazione, sulla base di due motivi, avverso la sentenza del Tribunale di Roma del 3 luglio 2008, che ha accolto l’opposizione all’esecuzione proposta nei

L'articolo d'origine: Informazioni giuridiche / Assegno di mantenimento anche al figlio maggiorenne

suoi confronti dall’ex coniuge C.G. dichiarando non dovute le somme pretese dalla Z. a titolo di del figlio perchè questi divenuto maggiorenne e non convivente con la madre affidataria, aveva acquistato una legittimazione iure proprio ad ottenere dall’altro genitore il contributo al proprio e nella specie conviveva abitualmente con il padre non affidatario.

L’intimato non ha svolto attività difensiva.

2.1. la ricorrente denuncia, nel primo motivo, violazione dell’art. 615 c.p.c., comma 2, in rel. all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 4, chiedendo alla Corte se possa ritenersi ammissibile e precedibile l’opposizione proposta ai sensi di detta norma introdotta con la sola notifica del ricorso senza il preventivo deposito in cancelleria dello stesso e senza il pedissequo decreto di fissazione dell’udienza di comparizione delle parti e del termine per la notifica del ricorso. La censura non coglie nel segno ed è formulata in violazione del principio di autosufficienza del ricorso per cassazione, non specificando come la pretesa irregolarità nell’introduzione dell’opposizione, peraltro avvenuta con atto tempestivamente notificato v. sentenza impugnata, pag. 3) abbia inciso negativamente sul diritto di difesa dell’odierna ricorrente.

Invero, deve ribadirsi che l’art. 360 c.p.c., n. 4, non tutela l’interesse all’astratta regolarità dell’attività giudiziaria, ma garantisce soltanto l’eliminazione del pregiudizio concretamente subito dal diritto di difesa della parte in dipendenza del denunciato errox In procedendo (Cass. n. 6686/10; 4340/10; 4435(08; S.U. 16898/06). In ogni caso, va ribadito che l’opposizione può essere proposta senza l’osservanza della forma stabilita dall’art. 615 c.p.c. - quando tra le parti si è instaurato il contraddittorio sull’oggetto dell’opposizione e la parte contro cui è proposta sia stata messa in condizione di difendersi (Cass. n. 571 del 2003; v. anche Cass. n. 27162/06).

2.2. Con il secondo motivo, la ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione dell’art. 2909 c.c., L. n. 898 del 1970, artt. 6 e 9, art. 112 c.p.c. e art. 615 c.p.c., comma 1, in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, e chiede alla Corte se, nel caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario e ove la sentenza preveda che uno dei genitori debba corrispondere all’altro un assegno di mantenimento per il figlio, il relativo obbligo viene automaticamente a cessare con il raggiungimento della maggiore età di quest’ultimo, circostanza per cui il genitore tenuto a corrispondere l’assegno può agire ex art. 615 c.p.c., ovvero se debba istaurarsi il procedimento in Camera di consiglio ai sensi della L. n. 898 del 1970, art. 9, per la modifica del titolo.

2.3.1. La censura è fondata. Va premesso che la legittimazione del figlio divenuto maggiorenne non esclude quella della madre affidataria e titolare dell’assegno di mantenimento per detto figlio in base alla sentenza di divorzio, dovendosi ribadire che “il coniuge separato o divorziato, già affidatario del figlio minorenne, è legittimato iure proprio, anche dopo il compimento da parte del figlio della maggiore età, ove sia con lui convivente e non economicamente autosufficiente, ad ottenere dall’altro coniuge un contributo al mantenimento del figlio; ne discende che ciascuna legittimazione è concorrente con l’altra, senza, tuttavia, che possa ravvisarsi un’ipotesi di solidarietà attiva, ai cui principi è possibile ricorrere solo in via analogica, trattandosi di diritti autonomi e non del medesimo diritto attribuito a più persone” (Cass. n. 21437/07). D’altra parte, l’obbligo dei genitori di concorrere tra loro secondo le regole dell’art. 148 c.c., al mantenimento dei non cessa automaticamente con il raggiungimento della maggiore età, ma continua invariato finchè i genitori o il genitore interessato non provi che il figlio ha raggiunto l’indipendenza economica oppure che è stato da loro posto nella concreta posizione di poter essere autosufficiente, ma non ne abbia tratto profitto per sua colpa (Cass. n. 2670/98; 4765/02; 8221/06; 407/07. Si tratta, quindi, di un mutamento delle circostanze che va accertato in sede di modifica delle condizioni del divorzio.

2.3.2. Ne deriva, quanto al caso di specie, che il giudice territoriale non avrebbe potuto ritenere illegittimamente azionata la pretesa da parte della Z. per il semplice raggiungimento della maggiore età da parte del figlio. D’altra parte, l’obbligato, per conseguire la soppressione o la decurtazione dell’assegno, avrebbe dovuto chiedere la modifica della sentenza di divorzio, attraverso il procedimento camerale di revisione delle relative disposizioni contenute nella sentenza medesima, ai sensi della L. 1 dicembre 1970, n. 898, art. 9, come sostituito dalla L. 6 marzo 1987, n. 74, art. 13. Era, invece, da escludere la possibilità di conseguire questo risultato attraverso il rimedio dell’opposizione all’esecuzione, essendosi in presenza di un fatto successivo alla formazione del titolo, il cui accertamento non poteva non avere luogo nell’ambito del procedimento innanzi indicato, al quale avrebbe dovuto necessariamente fare ricorso il soggetto del giudizio di divorzio che avesse inteso conseguire la diminuzione della misura dell’assegno. La diversa conclusione cui è pervenuto il giudice del merito non si sottrae pertanto a censura, nella misura in cui, con essa, si finisce con il riconoscere al soggetto obbligato alla erogazione dell’assegno di divorzio la facoltà di procedere unilateralmente alla sua riduzione, salvo il successivo controllo in sede di opposizione all’esecuzione, esercitatile nel caso in cui l’avente diritto azioni il titolo per l’intero (Cass. 1 aprile 1994 n. 3225).

3. Pertanto, dichiarato inammissibile il primo motivo ed accolto il secondo, la sentenza impugnata va cassata e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa può decidersi nel merito, con il rigetto dell’opposizione proposta dal C.. Le spese dell’intero giudizio vanno compensate ricorrendone giusti motivi, in considerazione della peculiarità della res litigiosa.

 

L'avv. Paolo Alfano è laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” con tesi in diritto amministrativo su “Lo Sportello Unico per le Attività Produttive”.E' abilitato all’esercizio della professione di Avvocato dal 2008 con iscrizione nell’Albo degli Avvocati presso il Tribunale di Sala Consilina.Titolare dello Studio Legale Avv. Paolo Alfano, in Sala Consilina (SA), P. IVA 04685300651, tratta prevalentemente materie civili (sia giudiziali che stragiudiziali) e penali. E' Conciliatore Specializzato.

Diritto.net non è in alcun modo collegato a siti e blog esterni i cui contenuti ed opinioni sono da ritenersi dell'autore.

L'articolo d'origine: Informazioni giuridiche / Assegno di mantenimento anche al figlio maggiorenne

 

Altri articoli dello stesso autore

Banner

Newsletter

Ricevi gratuitamente la Newsletter settimanale di Diritto.net per restare sempre informato!
Terms and Conditions

il Foro civile

il Foro civile

il Foro penale

il Foro penale

il Foro tributario

il Foro tributario

Eur-Lex

Eur-Lex Legal services since 1992

Trova un avvocato

  • Trova un Avvocato su Diritto.net!
  • Trova un Avvocato su Diritto.net!