Come esporre denuncia per calunnia

Denuncia per calunnia

Molto spesso chi viene a conoscenza di essere stato accusato di un fatto illecito, ritenendosi innocente, desidera immediatamente fare una denuncia per calunnia contro il proprio accusatore, affinché paghi le conseguenze della falsa accusa.

Tuttavia deve essere sottolineato come il delitto di calunnia sia una fattispecie molto formale e di difficile integrazione nella pratica; in altre parole non risulta sempre agevole dimostrare di aver subito una calunnia, in modo tale da ottenere la condanna del colpevole.

Il reato di calunnia viene infatti commesso da colui che accusi di un reato un soggetto che sappia con certezza sia in realtà innocente.

Da un lato è quindi richiesto che l’accusa si riferisca ad un fatto che, se reale, costituirebbe un vero e proprio reato (e quindi non un altro tipo di illecito); mentre dall’altro lato è necessario dimostrare che l’accusatore conoscesse perfettamente la falsità delle proprie accuse (ad esempio il reato di calunnia non sarebbe sussistente nel caso in cui l’accusatore fosse erroneamente convinto, o avesse anche un dubbio, circa l’effettiva responsabilità dell’accusato).

Per integrare il reato di calunnia la falsa accusa deve inoltre essere portata a conoscenza direttamente della Magistratura, o di altra autorità che abbia l’obbligo di riferire ad essa (come ad esempio le Forze dell’ordine), mediante denuncia, querela, istanza o richiesta.

DENUNCE PER CALUNNIA: CONSEGUENZE

Quali sono le conseguenze denuncia per calunnia? Innanzitutto il primo rischio è quello legato all’apertura di un procedimento penale a carico del soggetto denunciato.

La pena irrogabile può corrispondere da due a sei anni nella fattispecie ordinaria, con aggravamenti della pena nei casi in cui dalla calunnia sia derivata un’ingiusta condanna. 

Inoltre il colpevole potrebbe rischiare di essere condannato al risarcimento dei danni.

COME PROCEDERE

Prima di sporgere una denuncia per calunnia sarà quindi preferibile valutare in via preliminare, meglio se rivolgendosi ad un avvocato esperto in materia penale, se tutti gli elementi della fattispecie siano sussistenti nel fatto che si intende denunciare.

È bene inoltre precisare che sarà sufficiente sporgere una denuncia, non essendo
necessario procedere con una querela, visto che il reato di calunnia è procedibile di ufficio e

non richiede quindi la querela di parte (il bene giuridico tutelato dalla norma è in primo luogo quello del buon funzionamento della Giustizia, che verrebbe compromesso da una falsa accusa che porti ad instaurare un procedimento infondato, e solo in seconda battuta il diritto della persona a non subire false accuse).

ELEMENTI NECESSARI NELLA DENUNCIA PER CALUNNIA

Nella denuncia per calunnia occorrerà esporre in maniera precisa e dettagliata i fatti, mettendo in risalto i motivi e le ragioni attraverso le quali si intende dimostrare non solo la propria innocenza ed estraneità rispetto al fatto addebitato, ma anche l’effettiva consapevolezza dell’accusatore di aver accusato in maniera deliberata un soggetto innocente.

Sarà quindi d’obbligo produrre, allegandola alla denuncia per calunnia, l’eventuale denuncia o querela contenente le false accuse a proprio carico, affinché il Pubblico Ministero possa meglio valutare la portata dei fatti (si tratta in effetti di atto necessario per provare che vi sia stata una condotta calunniosa).

Nel caso, a dire il vero frequente nella pratica, che le false accuse abbiano portato all’instaurazione di un procedimento penale a proprio carico, sarà opportuno allegare alla denuncia per calunnia gli atti di tale procedimento, ed in maniera specifica il provvedimento conclusivo del processo, ove è consacrata l’innocenza dell’accusato, e quindi la possibilità che possa essere stato vittima di calunnia.

Chiaramente tra gli atti del procedimento subito dalla vittima di calunnia vi saranno gli elementi di prova attraverso i quali è stato possibile accertare che le accuse fossero false; tali elementi saranno di indubbio rilievo per il Pubblico Ministero che dovrà valutare la fondatezza della denuncia per calunnia, motivo per cui – nel caso se ne disponga – dovranno essere allegati alla denuncia.

In definitiva, magari avvalendosi dell’ausilio di un avvocato esperto in diritto penale, sarà opportuno esporre e documentare in maniera il più possibile precisa e dettagliata il reato di calunnia subito, al fine di aumentare le possibilità che l’autore del reato venga perseguito e punito.

Contributo dell’Avv. Giuseppe Migliore, Avvocato penalista in Roma, Italy

Potrebbe interessarti anche:

Querela per diffamazione, come si incastra il colpevole
La gravità del reato di diffamazione è molto sottovalutata, sia per quanto riguarda il danno che provoca al diffamato, sia per le conseguenze di una querela per diffamazione [segue]




Parere legale on-line entro 24 ore

Quante volte il 'consiglio giusto' avrebbe messo fine fin dall'inizio a situazioni che si sono invece trascinate per anni, con malumori e magari sfociando in costose azioni legali? Fai ora la tua domanda e ottieni un parere legale on-line entro 24 ore, al costo di € 19,90 tutto incluso!

Il (bellissimo) progetto di Cave Canem Onlus per la riabilitazione dei detenuti e l’adozione di cani

Il progetto Fuori dalle gabbie della Fondazione Cave Canem Onlus è una perla rara in cui Istituzioni e Cittadini sono confluiti e hanno messo il meglio di loro stessi a disposizione di una iniziativa della quale esistono solo risvolti positivi.

Il prof. Mastronardi confermato Garante dei diritti delle vittime di reato

Il prof. Vincenzo Mastronardi è stato nominato Garante dei diritti delle vittime di reato dall'Associazione Nazionale Difensori Civici Italiani, d'intesa con Civicrazia, Coalizione di oltre quattromila Associazioni a tutela del Cittadino.