Non rischiare l’ergastolo della patente!

Il “ergastolo della patente” è un’espressione che potrebbe sembrare esagerata, ma che in realtà descrive una situazione molto reale e pericolosa per chiunque guidi un veicolo. Si tratta di una serie di sanzioni e conseguenze legali che possono portare alla sospensione definitiva della patente di guida, una sorta di “ergastolo” appunto, che può avere ripercussioni … Leggi tutto

Il nuovo Codice della Strada: quali cambiamenti per la sicurezza dei cittadini

Il nuovo Codice della Strada, recentemente approvato, ha introdotto una serie di cambiamenti significativi volti a migliorare la sicurezza dei cittadini. Questi cambiamenti, che riguardano sia i conducenti che i pedoni, sono stati pensati per ridurre il numero di incidenti stradali e per garantire una maggiore tutela a tutti gli utenti della strada. Tra i … Leggi tutto

La nuova multa per guida al telefono ti farà tremare…

multa per guida al telefono

La nuova multa per guida al telefono farà perdere definitivamente il vizio a chi, dopo decenni di battaglie per la sicurezza stradale, ancora si ostini a usare il cellulare o il tablet al volante! Il Consiglio dei Ministri del 18 settembre scorso ha approvato il Disegno di Legge che introduce multe decisamente più salate per … Leggi tutto

Le pronunce sorprendenti dei GdP

Sono numerose le pronunce sorprendenti dei GdP: da quello che ha accolto la tesi dell’automobilista ubriaco al volante secondo il quale non avrebbe assunto alcolici ma fosse stato disinfettato con prodotti a base d’alcool, a quello che ha ritenuto non individuabile il luogo dell’infrazione del limite di velocità calcolato sulla media tenuta tra due apparecchi … Leggi tutto

Opinioni:Guida in stato di ebbrezza; rifiuto dell’accertamento, vantaggio per i furbi

Speravamo che le recenti modifiche apportate al codice della strada, con il Decreto Legge n. 117 del 3 agosto 2007, potessero rivelarsi determinanti: invece, analizzato bene il testo, emerge l’esatto contrario. L’esigenza di punire le trasgressioni stradali più letali – guida sotto l’effetto di alcol e stupefacenti ed eccesso di velocità – con l’aggravamento del sistema sanzionatorio, era dettata dalla necessità di creare innanzitutto una maggior deterrenza, possibile peraltro solo con il rinforzo degli organi di polizia stradale e con un maggior coordinamento.

Tuttavia, la contemporanea istituzione di tre fasce progressive di violazione – che rende praticamente impossibile un accertamento sintomatologico da parte della polizia giudiziaria – e la depenalizzazione del rifiuto da parte del conducente di sottoporsi ad accertamento della propria condizione psicofisica, hanno creato una situazione paradossale, tanto che a giovarsene saranno soprattutto i “furbi” e gli “esperti”. Sarà sufficiente rifiutarsi per vedere trasformata la propria condotta da reato penale ad illecito amministrativo.

“Non riusciamo a capire perché il legislatore abbia intrapreso questa strada – dice il presidente dell’Asaps Giordano Biserni – che eminenti esperti consultati concordano con noi nel definire assurda ed irragionevole e sospettabile di incostituzionalità. È evidente, infatti, la disparità di trattamento tra conducenti che si trovano nelle medesime condizioni di fatto e di diritto. Poniamo il caso che persone in evidente stato di ebbrezza – spiega Biserni – vengano sorprese alla guida di veicoli: alcune soffieranno nell’etilometro o accetteranno di sottoporsi al narcotest, altre invece si rifiuteranno. Le prime rischieranno sanzioni penali, mentre le seconde resteranno immuni da questa eventualità, configurandosi a loro carico semplici illeciti amministrativi, seppur pesanti”.

Si è di fatto instaurata un’ingiusta disparità di trattamento, che premia il più furbo o, paradossalmente, il più ubriaco. Una conducente che, per esempio, non riesca a soffiare nell’etilometro perché eccessivamente ebbro – è il caso di un ciclomotorista della provincia di Torino – potrà beneficiare dell’impossibilità della qualificazione del reato da lui commesso (perché il giudice non saprà in relazione a quale grado di ebbrezza giudicarlo) né potrà dirsi “non collaborativo” all’esecuzione del test: non ha rifiutato ma, semplicemente, non poteva.

“Purtroppo siamo davanti – aggiunge il presidente dell’Asaps – ad una riconosciuta facoltà da parte di persone in evidente stato di ebbrezza di sottrarsi al controllo degli organi di polizia stradale, essendo ormai noto che, per evitare la Giustizia in materia di sicurezza stradale, basta dire di no al poliziotto, al carabiniere o al vigile. Ci auguriamo che il Legislatore intervenga al più presto per evitare che proprio attorno ai reati più gravi connessi alla circolazione stradale, con i quali ci misuriamo ogni giorno, non venga sancita per legge l’assoluta impunità. Oggi, di fatto, la condizione è questa”.

L’Asaps ha arricchito il proprio portale www.asaps.it con una serie di pareri tecnici da parte di eminenti giuristi, una sintesi delle notizie più importanti sulla normativa e sulle iniziative intraprese nelle diverse Procure della Repubblica, oltre che mettere a disposizione di tutti l’intera collezione di circolari ministeriali e di estratti della Gazzetta Ufficiale.

Forlì, 23 agosto 2007

Cds, obbligo di soccorso anche per animali feriti.

Esulta la Lav. Anche gli animali hanno diritto al soccorso in caso di incidenti stradali. E chi si occupa della loro cura urgente non può essere sanzionato se per raggiungere un ambulatorio veterinario viola il Codice della Strada. Lo stabilisce l’articolo 32 delle Disposizioni in materia di sicurezza stradale, approvato dal Senato. L’articolo su asca.it