Amministratore di sostegno, quando è utile nominarlo

Amministratore di sostegno

Fino al 2004, anno di introduzione della figura dell’amministratore di sostegno, chi si fosse trovato in una situazione temporanea o permanente di difficoltà nel prendersi cura di sé e dei propri interessi, sarebbe stato sottoposto a inabilitazione con la conseguente nomina di un curatore, o di interdizione con la nomina di un tutore.

La legge 6 del 2004 ha introdotto la figura e la disciplina dell’amministratore di sostegno per quelle situazioni alle quali la precedente disciplina non si adattava.

Se, come detto, nel caso di totale e permanente impossibilità di badare a sé la legge prevede l’interdizione e, nel caso di grave ma temporanea incapacità prevede l’inabilitazione, l’amministratore di sostegno ha il compito non di sostituirsi ma di “sostenere” appunto un soggetto in una condizione di fragilità che non sconfina nell’incapacità di provvedere a se stessa.

E’ il caso di un anziano, in possesso delle proprie facoltà ad esempio, che abbia però bisogno di un aiuto nella normale gestione delle incombenze della propria vita e che all’amministratore saranno delegate.

La procedura per la nomina di un amministratore di sostegno può essere avviata dal coniuge, dal convivente, dall’unita/o civilmente, dagli affini entro il secondo grado e dai parenti entro il quarto con ricorso depositato presso il Giudice tutelare del capoluogo ove risiede la persona in difficoltà.

Il decreto di nomina, immediatamente esecutivo, indicherà espressamente gli atti che l’amministratore di sostegno potrà eseguire direttamente in nome e conto del beneficiario e gli atti che quest’ultimo non potrà compiere autonomamente.

Per chiarezza, il decreto di nomina indicherà altresì i limiti all’operato dell’amministratore di sostegno, ossia le somme di cui potrà disporre e la periodicità con la quale dovrà riferire al Giudice al riguardo.

La nomina appare quindi opportuna quando non si ricada nelle ipotesi di inabilitazione o interdizione ma sia necessario un sostegno nella gestione della persona o del patrimonio del beneficiario.



patentino per condurre un cane

Perché sono contrario al patentino per condurre un cane

Pubblichiamo un autorevole contributo sulle ragioni per cui si debba essere contrari alla previsione del patentino per condurre un cane come invece imposto da alcuni Regolamenti comunali per il benessere e la tutela degli animali

risarcimento per il ritardo nella consegna del bagaglio

Risarcimento per il ritardo nella consegna del bagaglio

Non ogni ritardo permette un risarcimento per il ritardo nella consegna del bagaglio ma solo quello che, oltre alla fastidiosa attesa, crei effettivamente un danno di tipo patrimoniale al viaggiatore aereo...

le auto ibride pagano il bollo

Le auto ibride pagano il bollo?

In assenza di una normativa nazionale che garantisca un incentivo uniforme all'acquisto di veicoli non inquinanti, offriamo una tabella riassuntiva delle regioni in cui le auto ibride pagano il bollo e in che misura

volo cancellato per carenza di personale

Volo cancellato per carenza di personale

Nel caso di volo cancellato per carenza di personale è la normativa a imporre un minimo di componenti dell'equipaggio senza pregiudicare però i diritti del passeggero

volo cancellato per maltempo

Volo cancellato per maltempo? Ecco i tuoi diritti…

Con fenomeni atmosferici sempre più estremi, la possibilità di avere il volo cancellato per maltempo è sempre più probabile per cui il passeggero aereo farà bene a memorizzare quali siano i propri diritti e come farli valere!

direttiva insolvency

La Direttiva Insolvency per il risanamento dell’azienda in crisi

La Direttiva Insolvency dell'UE introduce importanti novità sulla composizione negoziata della crisi d'impresa permettendo all'imprenditore di preservare la continuità della propria azienda...