Conseguenze di un esposto alla Procura della Repubblica

Sia nel caso di una querela, sia di una denuncia, sia infine di un esposto, un soggetto riferisce all’Autorità giudiziaria di una situazione che ritiene essere una violazione di legge. Dopo averne chiarito brevissimamente le differenze, vedremo quali sono le conseguenze di un esposto alla Procura della Repubblica.

A grandissime linee possiamo dire che una persona presenterà querela in quei casi in cui la decisione sul far perseguire il colpevole o meno possa restare circoscritta alla sua propria decisione, senza cioè che siano intaccati propri diritti fondamentali o che sia stata messa in pericolo la sicurezza altrui. Tanto che, dopo aver presentato querela, lo stesso soggetto potrà anche decidere di “ritirarla” (tecnicamente, rimetterla) senza dare spiegazioni.

La denuncia, invece, è l’atto con il quale si porti a conoscenza della Procura della Repubblica un fatto specifico esplicitamente qualificandolo come reato, il più delle volte indicandone anche l’autore che a sua volta quasi certamente procederà a denuncia per calunnia nei confronti del denunciante dichiarandosi estraneo a ogni addebito, ragion per cui è sempre consigliabile di consultarsi prima con un professionista.

L’esposto infine, di cui ci occupiamo qui, si differenzia da querela e denuncia perché si limita a portare a conoscenza dell’Autorità giudiziaria un fatto senza lamentare un danno diretto ricevuto, senza attribuirgli la qualifica di crimine o reato, senza additare alcuno come responsabile ma semplicemente fornendo alla Procura della Repubblica tutti gli elementi affinché possa comprendere al meglio il contesto e procedere autonomamente alla decisione se il fatto sia penalmente rilevante e, quindi, procedibile.

Si pensi ad esempio al caso in cui si notino delle tracce di sversamento di prodotti industriali in un corso d’acqua senza materialmente conoscere quali industrie operino lungo il corso d’acqua. Sarà la Procura a valutare la natura dell’illecito, a disporre gli accertamenti, a perseguire il colpevole…

Le conseguenze di un esposto alla Procura della Repubblica consistono quindi anzitutto nella valutazione dei fatti ripotati per capire se siano anzitutto di rilievo penale o meno e, in questa eventualità, se siano tra quelli perseguibili a querela di parte o d’ufficio.

Nel primo caso, quando come abbiamo detto in apertura gli interessi lesi siano per lo più circoscritti alla sfera del soggetto che propone l’esposto e di lieve entità, gli Agenti su incarico del Questore tenteranno di comporre la questione (ad esempio una lite tra vicini) prima ancora che sfoci in una querela, una denuncia o in altri tipi di procedimenti, redigendo un apposito verbale.

Nei casi più complessi invece in cui l’esposto riveli all’Autorità giudiziaria scenari di gran lunga più gravi, si pensi a indagini su frodi finanziarie, reati ambientali, attentati e così via che rappresentano per lo più i reati cosiddetti “perseguibili d’ufficio“, si procederà in primis all’iscrizione nel Registro delle notizie di reato attivando le indagini preliminari del caso volte all’acquisizione delle prove e all’individuazione del responsabile mediante tutto il personale ed i mezzi a disposizione del Procuratore.

In definitiva, le conseguenze di un esposto alla Procura della Repubblica sono, né più, né meno, quelle di ogni fascicolo che la Procura apra nei confronti dell’autore del fatto riportato ma, a differenza della querela o della denuncia, estremamente più leggere per l’autore dell’esposto sempre che non attribuisca a un soggetto specifico, un fatto specifico circostanziato, già con l’autonoma qualifica di specifico reato. In questo caso potrebbe (e dovrebbe) essere considerato a tutti gli effetti una denuncia.

In chiusura ritengo doveroso sottolineare come l’esposto sia un importante strumento a disposizione della cosiddetta “cittadinanza attiva” per aiutare la prevenzione / soppressione di innumerevoli gravi condotte antisociali purché di una certa “consistenza”, tali cioè da giustificare il dispendio organizzativo degli organi che ne saranno coinvolti distraendosi da altre attività, e tenendo a mente che le conseguenze di un esposto alla Procura della Repubblica, avendo attinenza con il diritto penale, richiedono (sempre) la massima cautela anche se mossi dalle migliori intenzioni.



Suicidio assistito lecito, pubblicate le motivazioni della sentenza Welby

Suicidio assistito lecito perché frutto dell'autodeterminazione del malato, assolti Welby e Cappato per l'aiuto offerto a Davide Trentini

Rilevanza delle condotte riparatorie e Mediazione penale

I numerosi problemi che affiggono la Giustizia in Italia finiscono con il deprimere la necessità di imputati e parti offese di una rapida decisione anche ai fini del risarcimento dei danni subiti.

Strategia europea sui diritti delle vittime di reato 2020 – 2025 (Convegno)

Segnaliamo ai lettori il convegno: 'Strategia europea sui diritti delle vittime di reato, 2020 - 2025, l'attuazione concreta della Direttiva 2012/29 UE nei diversi Paesi europei' che si terrà a Roma e in streaming su Zoom i prossimi 21 e 22 settembre 2021