Inadempimenti contrattuali, quando il Covid li giustifica?

Il nostro Codice civile nel disciplinare minuziosamente la materia dei contratti, ha fornito gli strumenti per valutare anche gli inadempimenti contrattuali che si siano verificati a seguito dell’emergenza epidemiologica da Sars-Covid-2

Tra lockdown, zone rosse e obbligo di confinamento, l’esercizio delle anche più normali attività della vita quotidiana ha subito un drastico stravolgimento e così anche quelle attività / obbligazioni assunte in virtù di un contratto non hanno fatto eccezione.

Inutile dire che, come nelle fasi più intense della recente crisi economica, si è assistito di nuovo a un’impennata del numero degli inadempimenti contrattuali riportati con un corrispondente incremento dell’attività giudiziale e stragiudiziale affidata ai legali per la tutela degli interessi lesi e le azioni risarcitorie ove possibile.

Ora, semplificando molto, si parlerà di “inadempimento” ogniqualvolta la prestazione pattuita non sia eseguita come convenuto e obbligherà, chi ne sia responsabile, al risarcimento del danno provocato.

Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno se non prova che l’inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile

Art. 1218 Codice civile

Collegare quindi l’inadempimento alla condotta della parte inadempiente è fondamentale per agire nei suoi confronti, e a giudizio di chi scrive sarà sempre possibile salvo che si verifichino queste due condizioni in cui gli inadempimenti contrattuali potranno essere “scusati” dal Covid:

a) Esigibilità e attualità della prestazione convenuta – Ciò significa che se la prestazione presenta caratteristiche incompatibili con le prescrizioni volte alla salvaguardia della sicurezza personale che non possano essere risolte con accorgimenti ad hoc, allora dovrebbe intendersi “non esigibile” e pertanto l’inadempimento non applicabile;

Nell’adempiere l’obbligazione il debitore deve usare la diligenza del buon padre di famiglia. Nell’adempimento delle obbligazioni inerenti all’esercizio di un’attività professionale, la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell’attività esercitata

Art. 1176 Codice civile

b) Nesso di causalità diretta tra il fare / non fare dell’obbligato e la mancata prestazione – Ciò significa che l’obbligato sarà sempre responsabile a meno che non dimostri l’impossibilità sopravvenuta della prestazione per una causa a lui non imputabile.

Qualunque sia il caso specifico, occorrerà anche valutare se la prestazione sia posticipabile o se, per determinate caratteristiche, l’adempimento sia necessariamente legato a un luogo, un momento oppure a qualità specifiche del soggetto obbligato.

Tutte e volte che la prestazione sia rinviabile e la mancata prestazione “esatta” sia riconducibile a situazioni contingenti dovute all’emergenza sanitaria in atto (divieto di feste, divieto di spostamento tra regioni, ecc.), il ritardo sarà giustificato e quindi non indennizzabile mentre la prestazione resterà dovuta nella misura in cui originariamente prevista.



si può mantenere la residenza in una casa data in affitto

Si può mantenere la residenza in una casa data in affitto? Dipende…

Quando il proprietario decida di affittare casa propria, si chiederà sicuramente se si può mantenere la residenza in una casa data in affitto...

mancata restituzione del deposito cauzionale è appropriazione indebita

La mancata restituzione del deposito cauzionale è appropriazione indebita?

Alla firma del contratto di locazione è prassi consegnare al locatore tre mensilità a titolo di cauzione ma la mancata restituzione del deposito cauzionale è appropriazione indebita?

ho aperto una mail di phishing

Ho aperto una mail di phishing, SOS!

Il fatto di aver esclamato 'Ho aperto una mail di phishing' presuppone un elevato livello di consapevolezza circa cosa sia il phishing e quali siano i rischi connessi. Ecco cosa fare...

Impugnazione del testamento per lesione della legittima

Impugnazione del testamento per lesione della legittima

Determinate categorie di eredi hanno delle quote minime di eredità riservate loro dalla legge e, nel caso in cui non siano rispettate, è riservata loro la facoltà di impugnazione del testamento per lesione della legittima

cancellazione dell'ipoteca contestuale al rogito

La cancellazione dell’ipoteca contestuale al rogito

L'acquirente di un immobile ha diritto alla cancellazione dell'ipoteca contestuale al rogito ed è vietato al Notaio di procedere finché non l'abbia verificata o predisposta

impugnativa del testamento nei termini

L’impugnativa del testamento nei termini

Sia nel caso di nullità che di annullabilità del testamento, chi si ritenga danneggiato può presentare una impugnativa del testamento nei termini che la legge prevede, molto diversi a seconda del caso concreto