Reclamo TIM, come farsi prendere sul serio

Reclamo TIM

Di fronte a un ritardo nell’attivazione, a una voce in bolletta che non riconosciamo o a un qualunque disservizio, la reazione di tutti è quella di chiamare il 187 (o il 191) per fare un reclamo o, per i più arrabbiati, googlare ‘reclamo TIM’ in cerca di una soluzione più incisiva.

La telefonata al servizio clienti è sicuramente utile e conviene sempre iniziare da lì, specie se si tratta di un problema tecnico o amministrativo ‘evidente’ che così viene immediatamente segnalato a chi può sistemarlo ma, nei casi in cui la situazione sia più complessa e sfugga all’autonomia decisionale dell’operatore, non basta.

Come sfuggire quindi all’evanescenza del reclamo fatto ‘a parole’, del quale non resterà alcuna traccia anche se si hanno tutte le ragioni del mondo dalla propria parte? Ovviamente, formalizzando il tutto anche per iscritto.

La Carta dei servizi sottoscritta da TIM prevede che il Reclamo TIM sia inviato in due modalità dal sapore decisamente ‘vintage’: a mezzo fax o mediante lettera. Aggiungiamo noi per esperienza diretta la possibilità di inviare un’email e perfino una PEC all’indirizzo che, potendo variare nel tempo, consigliamo di chiedere al Servizio clienti nel corso della telefonata di segnalazione di cui dicevamo prima.

Senza una prova tangibile dell’avvenuto reclamo sarà molto difficile far valere le proprie ragioni nell’eventualità in cui si debba ricorrere al tentativo obbligatorio di conciliazione o all’Autorità giudiziaria.

Oltre ad avere giustizia, la data certa del Reclamo TIM sarà utile per calcolare esattamente l’indennizzo spettante: non tutti sanno che, specialmente nel caso delle connessioni a Internet, a seconda della natura del problema sono previsti degli indennizzi che possono arrivare a sfiorare i 200 Euro.

La procedura di conciliazione presso un centro ADR o presso il CoReCom non prevede l’assistenza di un avvocato e l’udienza si svolge interamente online mediante una videochiamata nel giorno e all’ora comunicato con grande anticipo.



si può mantenere la residenza in una casa data in affitto

Si può mantenere la residenza in una casa data in affitto? Dipende…

Quando il proprietario decida di affittare casa propria, si chiederà sicuramente se si può mantenere la residenza in una casa data in affitto...

mancata restituzione del deposito cauzionale è appropriazione indebita

La mancata restituzione del deposito cauzionale è appropriazione indebita?

Alla firma del contratto di locazione è prassi consegnare al locatore tre mensilità a titolo di cauzione ma la mancata restituzione del deposito cauzionale è appropriazione indebita?

ho aperto una mail di phishing

Ho aperto una mail di phishing, SOS!

Il fatto di aver esclamato 'Ho aperto una mail di phishing' presuppone un elevato livello di consapevolezza circa cosa sia il phishing e quali siano i rischi connessi. Ecco cosa fare...

Impugnazione del testamento per lesione della legittima

Impugnazione del testamento per lesione della legittima

Determinate categorie di eredi hanno delle quote minime di eredità riservate loro dalla legge e, nel caso in cui non siano rispettate, è riservata loro la facoltà di impugnazione del testamento per lesione della legittima

cancellazione dell'ipoteca contestuale al rogito

La cancellazione dell’ipoteca contestuale al rogito

L'acquirente di un immobile ha diritto alla cancellazione dell'ipoteca contestuale al rogito ed è vietato al Notaio di procedere finché non l'abbia verificata o predisposta

impugnativa del testamento nei termini

L’impugnativa del testamento nei termini

Sia nel caso di nullità che di annullabilità del testamento, chi si ritenga danneggiato può presentare una impugnativa del testamento nei termini che la legge prevede, molto diversi a seconda del caso concreto