Reclamo TIM, come farsi prendere sul serio

Reclamo TIM

Di fronte a un ritardo nell’attivazione, a una voce in bolletta che non riconosciamo o a un qualunque disservizio, la reazione di tutti è quella di chiamare il 187 (o il 191) per fare un reclamo o, per i più arrabbiati, googlare ‘reclamo TIM’ in cerca di una soluzione più incisiva.

La telefonata al servizio clienti è sicuramente utile e conviene sempre iniziare da lì, specie se si tratta di un problema tecnico o amministrativo ‘evidente’ che così viene immediatamente segnalato a chi può sistemarlo ma, nei casi in cui la situazione sia più complessa e sfugga all’autonomia decisionale dell’operatore, non basta.

Come sfuggire quindi all’evanescenza del reclamo fatto ‘a parole’, del quale non resterà alcuna traccia anche se si hanno tutte le ragioni del mondo dalla propria parte? Ovviamente, formalizzando il tutto anche per iscritto.

La Carta dei servizi sottoscritta da TIM prevede che il Reclamo TIM sia inviato in due modalità dal sapore decisamente ‘vintage’: a mezzo fax o mediante lettera. Aggiungiamo noi per esperienza diretta la possibilità di inviare un’email e perfino una PEC all’indirizzo che, potendo variare nel tempo, consigliamo di chiedere al Servizio clienti nel corso della telefonata di segnalazione di cui dicevamo prima.

Senza una prova tangibile dell’avvenuto reclamo sarà molto difficile far valere le proprie ragioni nell’eventualità in cui si debba ricorrere al tentativo obbligatorio di conciliazione o all’Autorità giudiziaria.

Oltre ad avere giustizia, la data certa del Reclamo TIM sarà utile per calcolare esattamente l’indennizzo spettante: non tutti sanno che, specialmente nel caso delle connessioni a Internet, a seconda della natura del problema sono previsti degli indennizzi che possono arrivare a sfiorare i 200 Euro.

La procedura di conciliazione presso un centro ADR o presso il CoReCom non prevede l’assistenza di un avvocato e l’udienza si svolge interamente online mediante una videochiamata nel giorno e all’ora comunicato con grande anticipo.



Parere legale on-line entro 24 ore

Quante volte il 'consiglio giusto' avrebbe messo fine fin dall'inizio a situazioni che si sono invece trascinate per anni, con malumori e magari sfociando in costose azioni legali? Fai ora la tua domanda e ottieni un parere legale on-line entro 24 ore, al costo di € 19,90 tutto incluso!

Il (bellissimo) progetto di Cave Canem Onlus per la riabilitazione dei detenuti e l’adozione di cani

Il progetto Fuori dalle gabbie della Fondazione Cave Canem Onlus è una perla rara in cui Istituzioni e Cittadini sono confluiti e hanno messo il meglio di loro stessi a disposizione di una iniziativa della quale esistono solo risvolti positivi.

Il prof. Mastronardi confermato Garante dei diritti delle vittime di reato

Il prof. Vincenzo Mastronardi è stato nominato Garante dei diritti delle vittime di reato dall'Associazione Nazionale Difensori Civici Italiani, d'intesa con Civicrazia, Coalizione di oltre quattromila Associazioni a tutela del Cittadino.