Sfratto esecutivo con minorenni, le misure a loro tutela

sfratto esecutivo con minorenni

Nel caso particolare di uno sfratto esecutivo con minorenni coinvolti, la legge prevede alcune misure a tutela della stabilità psicofisica di questi ultimi. Vediamole qui di seguito.

Anzitutto, ricordiamo che lo sfratto è la procedura messa in atto dal proprietario di un immobile a uso abitativo dato in locazione quando ne voglia rientrare in possesso. Le ragioni che giustifichino uno sfratto sono varie e ormai codificate, e le più ricorrenti sono lo sfratto per morosità del locatario e lo sfratto per necessità propria del locatore.

Nel caso in cui il proprietario intenda usare l’immobile per proprie esigenze abitative, attraverso lo sfratto per necessità non farà altro che comunicare al locatario la propria intenzione di non rinnovare il contratto alla sua futura scadenza e quindi, non essendo questa imminente e non essendo motivato da canoni insoluti, la gestione di uno sfratto per morosità appare di gran lunga più semplice di uno sfratto per morosità che, invece, si inserisce in un momento intermedio della validità del contratto di locazione interrompendolo bruscamente, il tutto aggravato da una difficile situazione economica dell’inquilino.

Si noti che, perché operi lo sfratto per morosità, ai sensi della legge nr. 392 del 1978 è sufficiente che siano trascorsi venti giorni dalla scadenza del canone di locazione dovuto senza che sia stato saldato, ed è previsto perfino l’intervento della Forza pubblica qualora il locatario non adempia volontariamente all’obbligo di lasciare l’immobile.

Ciò detto, nel caso di uno sfratto esecutivo con minorenni, intervengono però diverse misure a loro tutela.

L’Ufficiale giudiziario che rilevi la presenza di minorenni dovrà obbligatoriamente attivarsi contattando i Servizi sociali affinché alla famiglia sia assegnato un diverso alloggio e, nel caso in cui non sia possibile per qualsivoglia ragione, questi dovranno provvedere al pagamento dei canoni di locazione necessari a garantire alla famiglia la possibilità di permanere al proprio domicilio. Ricordiamo che la morosità, così temporaneamente sanata, era la causa giustificativa dello sfratto per morosità di che trattasi…

In più, il locatario moroso potrà chiedere una sanatoria consistente in ulteriori 90 (novanta) giorni per saldare gli arretrati e mettersi in regola purché ne faccia richiesta, entro 120 giorni dalla data di convalida dello sfratto, al massimo 4 volte nel corso dei 4 anni di durata del contratto di locazione.

L’epilogo peggiore nel caso di sfratto esecutivo con minorenni si avrà quando i genitori non riescano a trovare alcuna fonte di reddito e i Servizi sociali non abbiano soluzioni da offrire, né abitative, né di sostegno economico. In questa eventualità il bilanciamento tra il diritto del proprietario di rientrare in possesso del proprio immobile e dei minorenni ad avere i propri diritti minimi garantiti potrà passare attraverso il Giudice tutelare che li affiderà provvisoriamente presso un centro di assistenza.

Per approfondimento:

Disciplina delle locazioni di immobili urbani



importo della pensione minima di vecchiaia

Importo della pensione minima di vecchiaia, cosa devi sapere

Questo breve articolo sull'importo della pensione minima di vecchiaia vuole chiarire la confusione ricorrente nel parlare comune tra pensione minima e pensione sociale

sanatoria della tettoia abusiva

La sanatoria della tettoia abusiva, quanto costa e quando è possibile?

La realizzazione di una copertura anche di semplice servizio può configurare un vero e proprio abuso edilizio con la conseguente necessità di chiedere la sanatoria della tettoia abusiva...

differenze negli stipendi tra uomini e donne

Mai più differenze negli stipendi tra uomini e donne

Il fenomeno delle differenze negli stipendi tra uomini e donne interessa tutti i Paesi e tutti i settori dell'economia ma ora, in Italia, le imprese con più di 50 dipendenti devono ottenere la Certificazione della parità di genere...

terrazzo condominiale a uso esclusivo

Gioie e dolori del terrazzo condominiale a uso esclusivo

Inutile dire quante e quali gioie possa regalare un terrazzo condominiale a uso esclusivo in città ma non dimentichiamo che è pur sempre parte del condominio con tutto quanto comporta...

restituzione dell'affitto pagato in nero

Si può chiedere la restituzione dell’affitto pagato in nero?

Nel momento in cui l'inquilino voglia chiedere la restituzione dell'affitto pagato in nero, bisognerà distinguere due situazioni distinte: quella in cui il contratto non sia stato registrato e quella in cui sia stato regolarmente registrato ma senza indicare il reale canone mensile

cambiare serratura all'inquilino senza contratto

Si può cambiare serratura all’inquilino senza contratto?

La tentazione di cambiare serratura all'inquilino senza contratto è certamente forte ma, attenzione, si corre il rischio di commettere più di un reato e di avere pesanti conseguenze economiche..