Cos’è l’articolo 5 NATO e cosa comporta

articolo 5 NATO

Dall’inizio delle ostilità in Ucraina si è iniziato subito a parlare dell’articolo 5 NATO, sia da parte della Russia sottintendendo così la non velata minaccia di un possibile allargamento dei margini del conflitto, sia da parte dei Paesi confinanti le aree interessate dalle manovre militari dalle quali comprensibilmente si sono e continuano a sentirsi minacciati.

Cos’è la NATO?

Nata nel 1949 con la firma da parte dei 12 Paesi fondatori (tra cui l’Italia) del Trattato del Nord Atlantico, la NATO è un’alleanza politica e militare fra gli Stati Uniti e singoli Paesi europei al fine di far fronte comune di fronte contro eventuali aggressioni ai danni di ciascuno dei partecipanti. Vedi la presentazione ufficiale della NATO, in Pdf per ulteriori dettagli. L’intento dichiarato è quello di garantire stabilità e sicurezza, nell’area nord-atlantica appunto, mediante sforzi diplomatici e quindi pacifici in primo luogo e, solo qualora si rivelassero inutili, mediante l’azione militare diretta con i propri contingenti. Il contesto in cui inquadrarne la nascita è quello ‘storico’ dei due blocchi contrapposti: occidentale rappresentato dagli Stati Uniti e orientale rappresentato dalla Russia a capo dell’URSS.

Cosa prevede l’articolo 5 NATO?

Il testo vigente è sufficientemente chiaro ed eloquente: ‘Le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti, e di conseguenza convengono che se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell’esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall’art. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l’azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell’Atlantico settentrionale’.

Uno per tutti, tutti per uno quindi.

Su cosa si intenda per ‘attacco’ si potrebbe scrivere a lungo e non è questa la sede, basti pensare che all’epoca non era nemmeno immaginabile un attacco informatico, ad esempio, e altrettanto le innumerevoli forme in cui può concretizzarsi un sabotaggio alle infrastrutture strategiche di uno o più Paesi dell’alleanza (un gasdotto, ad esempio). Ogni azione, prima di poter essere considerata un ‘attacco diretto’ dovrebbe quindi essere valutato attentamente da parte del Consiglio di sicurezza (ossia l’organo al quale partecipano i rappresentanti di tutti i Paese aderenti, deputato a prendere concretamente le decisioni).

Cosa comporta concretamente l’articolo 5 NATO?

L’articolo 5 NATO prosegue così: ‘Ogni attacco armato di questo genere e tutte le misure prese in conseguenza di esso saranno immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza. Queste misure termineranno allorché il Consiglio di Sicurezza avrà preso le misure necessarie per ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali’.

Se ne ricava una doppia informazione: la prima, nota fin dall’inizio, che ogni azione qualificabile e qualificata come ‘attacco’ determinerà un’azione (diplomatica prima, militare poi) volta a ristabilire la sicurezza dei Cittadini dell’area interessata. La seconda, che non è esclusa un’azione diretta e immediata dello Stato aderente che si sia considerato ‘attaccato’ che quindi potrà prima agire e solo successivamente riferire al Consiglio di sicurezza perché adotti le misure congiunte reputate necessarie. Ciò varrà però, a detta di chi scrive, solo nel caso di un atto inequivocabilmente di attacco, altrettanto inequivocabilmente riconducibile a un soggetto esterno all’alleanza.



calcola l'imposta di registro sulla prima casa

Come si calcola l’imposta di registro sulla prima casa?

Nel valutare l'onerosità dell'acquisto di un immobile vanno considerate una serie di spese accessorie e sapere quando e come si calcola l'imposta di registro sulla prima casa può essere molto utile...

legittimo l'obbligo vaccinale

Legittimo l’obbligo vaccinale: multe dovute e addio stipendio

La Corte costituzionale ha anticipato la sentenza con la quale ha dichiarato legittimo l'obbligo vaccinale e ineludibile quindi l'obbligo di pagamento delle sanzioni senza possibilità di ricevere alcuna retribuzione per il periodo di sospensione...

usurarietà del finanziamento

L’assicurazione concorre alla usurarietà del finanziamento

Il costo dell'assicurazione proposta in occasione di un prestito o di un mutuo concorre a determinare la usurarietà del finanziamento e attribuisce al cliente il diritto di ottenere lo stralcio di ogni somma pattuita in conto interessi!

truffa FTX

Conseguenze (e speranze) dopo la presunta truffa FTX

Chiunque abbia investito in FTX può giustamente sentire il sangue gelare nelle vene da quando la nota piattaforma ha dichiarato bancarotta e si sente parlare di una presunta truffa FTX dalle dimensioni colossali

locazione di una casa vacanze

Aspetti legali della locazione di una casa vacanze

Tra le varie forme di locazione di un immobile abitativo c'è quello degli affitti turistici ed è quindi opportuno valutare tutti gli aspetti legali della locazione di una casa vacanze per evitare sgradite sorprese...

Cessione del credito quando c’è dolo o colpa grave

Cessione del credito quando c’è dolo o colpa grave?

Dopo lunghissima incertezza sulle sorti dei crediti attesi da migliaia di imprese, permarrà esclusivamente il blocco della cessione del credito quando c'è dolo o colpa grave