Eredi legittimi, chi sono e quanto ereditano?

eredi legittimi

Gli eredi legittimi entrano in gioco nel caso in cui il defunto (tecnicamente, de cuius) non abbia lasciato un testamento con il quale disporre validamente dei beni che compongono il proprio patrimonio.

Infatti, quando manchi del tutto un testamento o quando il de cuius abbia lasciato un testamento che non regoli la totalità dei propri beni oppure ancora non rispettando le disposizioni del Codice civile sulle cosiddette quote legittime, gli eredi legittimi ai quali il Codice civile riserva invece specifici diritti, potranno agire per farne dichiarare la nullità o l’annullamento.

L’Ordinamento giuridico italiano tende a dare continuità ai rapporti patrimoniali in essere e così, al fine di garantire il passaggio della proprietà (e delle obbligazioni) legate ai beni di proprietà del defunto, individua in progressione le figure dei possibili eredi legittimi a partire dal coniuge, dai figli e dai genitori allontanandosi via via fino a ricercare eventuali collaterali, lontani parenti e infine, in estrema soluzione, lo Stato.

Categorie dei successibili
Nella successione legittima l’eredità si devolve al coniuge, ai discendenti (…), agli ascendenti (…), ai collaterali, agli altri parenti e allo Stato, nell’ordine e secondo le regole stabilite nel presente titolo.

Art. 565 Codice civile

Teniamo a far presente che l’originale formulazione dell’art. 565 del Codice civile è stata in più occasioni oggetto di attenzione da parte della Corte Costituzionale che ha precisato come i fratelli e le sorelle naturali riconosciuti o dichiarati vadano considerati eredi legittimi al pari di ogni altro discendente, specialmente quando sia legalmente accertato il rispettivo status di filiazione nei confronti del comune genitore.

Individuati così coloro i quali possono dirsi legittimi eredi, bisogna precisare che questi non vanno confusi con i legittimari ossia coloro che, oltre a essere eredi legittimi, hanno delle quote minime garantite dalla legge a loro favore.

Solo il coniugeAl coniuge superstite spetta l’intera eredità
Coniuge e 1 figlioAl coniuge superstite spetta metà dell’eredità e l’altra metà al figlio
Coniuge e 2 o più figliAl coniuge superstite spetta un terzo dell’eredità e la restante parte va divisa in parti uguali tra i figli
Solo figliL’intera eredità va divisa in parti uguali tra i figli
Né coniuge, né figli ma genitori e/o fratelliAi genitori spetta metà dell’eredità e la restante parte va divisa in parti uguali tra i fratelli
Nessun coniuge, genitore, figlio, fratelloL’intera eredità va divisa in parti uguali tra gli eredi legittimi restanti secondo il principio per cui ogni grado esclude quelli seguenti: in presenza di zii verranno esclusi i cugini, figli di cugini e figli di figli di cugini altrimenti rientranti tra gli eredi legittimi
Nessun parente sino al 6° gradoL’intera eredità si devolve allo stato
Casi più ricorrenti di successione legittima

Occorre dire per completezza che, nel caso in cui un avente diritto sia deceduto anteriormente al de cuius, i propri eredi non saranno per questo esclusi dalla successione ma anzi, per effetto dell’istituto della rappresentazione parteciperanno beneficiando della medesima quota che sarebbe a lui spettata.

Così, ade esempio, nel caso di morte del padre dopo che un figlio era già deceduto dandogli due nipoti, metà del patrimonio spetterà alla moglie superstite e l’altra metà che sarebbe toccata al figlio verrà spartita in parti uguali tra i di lui figli.

In conclusione quindi, nel caso in cui all’apertura di una successione manchi un valido testamento, la legge prevede chi e in quale misura sia chiamato a ereditare, a condizione che il de cuius, mentre era ancora in vita, non abbia già anticipato degli atti di disposizione dei propri beni con quelli che vengono definiti ‘legati’.

Nel caso in cui questi legati riguardino beni di un certo valore, tale da sbilanciare le proporzioni previste dalla legge, i legittimari potranno intraprendere un’azione giudiziaria ‘di riduzione‘ con la quale chiederanno che i beni fuoriusciti dal patrimonio rientrino nell’asse ereditario al fine di procedere con la divisione ereditaria secondo legge.

Per approfondimento:

Art. 565 Codice civile



calcola l'imposta di registro sulla prima casa

Come si calcola l’imposta di registro sulla prima casa?

Nel valutare l'onerosità dell'acquisto di un immobile vanno considerate una serie di spese accessorie e sapere quando e come si calcola l'imposta di registro sulla prima casa può essere molto utile...

legittimo l'obbligo vaccinale

Legittimo l’obbligo vaccinale: multe dovute e addio stipendio

La Corte costituzionale ha anticipato la sentenza con la quale ha dichiarato legittimo l'obbligo vaccinale e ineludibile quindi l'obbligo di pagamento delle sanzioni senza possibilità di ricevere alcuna retribuzione per il periodo di sospensione...

usurarietà del finanziamento

L’assicurazione concorre alla usurarietà del finanziamento

Il costo dell'assicurazione proposta in occasione di un prestito o di un mutuo concorre a determinare la usurarietà del finanziamento e attribuisce al cliente il diritto di ottenere lo stralcio di ogni somma pattuita in conto interessi!

articolo 5 NATO

Cos’è l’articolo 5 NATO e cosa comporta

Dall'inizio delle ostilità in Ucraina si è iniziato subito a parlare dell'articolo 5 NATO, sia da parte della Russia che dei Paesi confinanti le aree interessate. Vediamo cos'è e cosa comporta concretamente...

truffa FTX

Conseguenze (e speranze) dopo la presunta truffa FTX

Chiunque abbia investito in FTX può giustamente sentire il sangue gelare nelle vene da quando la nota piattaforma ha dichiarato bancarotta e si sente parlare di una presunta truffa FTX dalle dimensioni colossali

locazione di una casa vacanze

Aspetti legali della locazione di una casa vacanze

Tra le varie forme di locazione di un immobile abitativo c'è quello degli affitti turistici ed è quindi opportuno valutare tutti gli aspetti legali della locazione di una casa vacanze per evitare sgradite sorprese...