Regolamento condominiale e cani, la nuova legge li ammette!

regolamento condominiale e cani

La nuova legge di Riforma del condominio nr. 220 del 2012 ha posto fine a infinite diatribe sancendo la pace tra regolamento condominiale e cani la cui presenza in condominio è finalmente ammessa.

All’articolo 1138 del Codice civile è stato infatti aggiunto un inequivocabile ultimo comma che così recita testualmente: ‘Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici’.

Fino ad allora accadeva spesso che i regolamenti condominiali vietassero esplicitamente l’accesso agli spazi comuni e l’uso di strutture condominiali agli animali da compagnia detenuti dai condòmini, obbligando quindi questi ultimi alla scelta tra portare in braccio per vari piani un cane di magari qualche decina di chili non potendogli far calcare scale o ascensore, oppure rinunciare alla preziosa compagnia.

Come detto, la nuova formulazione dell’art. 1138 del Codice civile e la nuova legge di Riforma del condominio pongono finalmente fine a quest’assurdità, obbligando le assemblee condominiali che avessero precedentemente disposto diversamente a far coesistere regolamento condominiale e cani.

Sarà quindi annullabile ogni disposizione contraria a quanto sopra su iniziativa del condòmino che abbia interesse a farne dichiarare il contrasto con la norma codicistica di livello superiore, e sarà automaticamente nulla senza necessità di intraprendere alcuna azione nel caso in cui la decisione limitativa sia stata presa dall’assemblea senza che l’argomento fosse esplicitamente incluso nell’Ordine del giorno.

Ciò detto, la presenza dell’animale domestico non dovrà pregiudicare i diritti dei restanti condòmini di usufruire delle medesime attrezzature e spazi comuni, così come ovviamente non dovrà causare loro fastidio con odori o rumori superiori alla cosiddetta normale tollerabilità che possano giungere anche all’interno delle proprie abitazioni private.

Quindi, oltre alla compatibilità sancita tra regolamento condominiale e cani, per gli animali da compagnia in genere che vivano in condominio le regole principali di condotta sono: guinzaglio di non più di mt 1,50 e museruola sempre disponibile, da indossare obbligatoriamente in ascensore, vaccinazioni complete, igiene dell’animale e delle sue pertinenze, rimozione di ogni eventuale bisogno

In conclusione, la nuova legge chiarisce la possibile coesistenza tra regolamento condominiale e cani secondo il principio per cui le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici, e ogni disposizione contraria è annullabile o nulla!

Segnaliamo nella speranza che sia d’interesse, la nostra petizione per il divieto di compravendita di animali d’affezione fintanto che canili e strutture analoghe ospitino centinaia di migliaia di innocenti in attesa di adozione, incarcerati per una vita senza aver alcuna colpa.



rimborso dei contributi INPS versati in eccedenza

Rimborso dei contributi INPS versati in eccedenza, attenzione!

Bisogna fare molta attenzione al momento del versamento perché ottenere successivamente il rimborso dei contributi INPS versati in eccedenza è tutt'altro che semplice

denuncia di smarrimento della patente online

Denuncia di smarrimento della patente online, istruzioni e consigli utili

Può capitare a tutti di accorgersi che non è dove l'abbiamo sempre tenuta, e dopo averla cercata e ricercata, doversi convincere finalmente che non c'è altra soluzione che fare denuncia di smarrimento della patente online, per fortuna

diritto di ritenzione del meccanico

Diritto di ritenzione del meccanico, lecito a condizione che…

Le spese per la manutenzione o la riparazione dell'auto possono essere importanti e non è infrequente veder applicato il diritto di ritenzione del meccanico sull'auto finché il debito gli sia saldato

nuda proprietà e prima casa

Nuda proprietà e prima casa, le agevolazioni fiscali

Le agevolazioni fiscali che riguardano nuda proprietà e prima casa ricalcano quelle per l'acquisto di ogni abitazione principale offrendo gli stessi vantaggi alle medesime condizioni

si può vendere la nuda proprietà

Si può vendere la nuda proprietà?

Si può vendere la nuda proprietà e si può comprare la nuda proprietà, è un accordo assolutamente lecito fintanto che non vi siano forzature e il prezzo sia corretto

valore della nuda proprietà

Il valore della nuda proprietà

Risulta evidente che il valore della nuda proprietà sia inferiore rispetto al valore della piena proprietà per il semplice fatto che l'usufrutto non può eccedere la vita dell'usufruttuario