Regolamento condominiale e cani, la nuova legge li ammette!

regolamento condominiale e cani

La nuova legge di Riforma del condominio nr. 220 del 2012 ha posto fine a infinite diatribe sancendo la pace tra regolamento condominiale e cani la cui presenza in condominio è finalmente ammessa.

All’articolo 1138 del Codice civile è stato infatti aggiunto un inequivocabile ultimo comma che così recita testualmente: ‘Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici’.

Fino ad allora accadeva spesso che i regolamenti condominiali vietassero esplicitamente l’accesso agli spazi comuni e l’uso di strutture condominiali agli animali da compagnia detenuti dai condòmini, obbligando quindi questi ultimi alla scelta tra portare in braccio per vari piani un cane di magari qualche decina di chili non potendogli far calcare scale o ascensore, oppure rinunciare alla preziosa compagnia.

Come detto, la nuova formulazione dell’art. 1138 del Codice civile e la nuova legge di Riforma del condominio pongono finalmente fine a quest’assurdità, obbligando le assemblee condominiali che avessero precedentemente disposto diversamente a far coesistere regolamento condominiale e cani.

Sarà quindi annullabile ogni disposizione contraria a quanto sopra su iniziativa del condòmino che abbia interesse a farne dichiarare il contrasto con la norma codicistica di livello superiore, e sarà automaticamente nulla senza necessità di intraprendere alcuna azione nel caso in cui la decisione limitativa sia stata presa dall’assemblea senza che l’argomento fosse esplicitamente incluso nell’Ordine del giorno.

Ciò detto, la presenza dell’animale domestico non dovrà pregiudicare i diritti dei restanti condòmini di usufruire delle medesime attrezzature e spazi comuni, così come ovviamente non dovrà causare loro fastidio con odori o rumori superiori alla cosiddetta normale tollerabilità che possano giungere anche all’interno delle proprie abitazioni private.

Quindi, oltre alla compatibilità sancita tra regolamento condominiale e cani, per gli animali da compagnia in genere che vivano in condominio le regole principali di condotta sono: guinzaglio di non più di mt 1,50 e museruola sempre disponibile, da indossare obbligatoriamente in ascensore, vaccinazioni complete, igiene dell’animale e delle sue pertinenze, rimozione di ogni eventuale bisogno

In conclusione, la nuova legge chiarisce la possibile coesistenza tra regolamento condominiale e cani secondo il principio per cui le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici, e ogni disposizione contraria è annullabile o nulla!

Segnaliamo nella speranza che sia d’interesse, la nostra petizione per il divieto di compravendita di animali d’affezione fintanto che canili e strutture analoghe ospitino centinaia di migliaia di innocenti in attesa di adozione, incarcerati per una vita senza aver alcuna colpa.



usurarietà del finanziamento

L’assicurazione concorre alla usurarietà del finanziamento

Il costo dell'assicurazione proposta in occasione di un prestito o di un mutuo concorre a determinare la usurarietà del finanziamento e attribuisce al cliente il diritto di ottenere lo stralcio di ogni somma pattuita in conto interessi!

articolo 5 NATO

Cos’è l’articolo 5 NATO e cosa comporta

Dall'inizio delle ostilità in Ucraina si è iniziato subito a parlare dell'articolo 5 NATO, sia da parte della Russia che dei Paesi confinanti le aree interessate. Vediamo cos'è e cosa comporta concretamente...

truffa FTX

Conseguenze (e speranze) dopo la presunta truffa FTX

Chiunque abbia investito in FTX può giustamente sentire il sangue gelare nelle vene da quando la nota piattaforma ha dichiarato bancarotta e si sente parlare di una presunta truffa FTX dalle dimensioni colossali

locazione di una casa vacanze

Aspetti legali della locazione di una casa vacanze

Tra le varie forme di locazione di un immobile abitativo c'è quello degli affitti turistici ed è quindi opportuno valutare tutti gli aspetti legali della locazione di una casa vacanze per evitare sgradite sorprese...

Cessione del credito quando c’è dolo o colpa grave

Cessione del credito quando c’è dolo o colpa grave?

Dopo lunghissima incertezza sulle sorti dei crediti attesi da migliaia di imprese, permarrà esclusivamente il blocco della cessione del credito quando c'è dolo o colpa grave

divieto di utilizzo di camini e stufe a legna

Divieto di utilizzo di camini e stufe a legna, chi rischia la multa?

Il rincaro del gas ha innescato il divieto di utilizzo di camini e stufe a legna che ora analizzeremo sia per quanto riguarda i divieti, le sanzioni e infine le esenzioni possibili