La donazione della quota di un immobile tra fratelli, modi e costi

la donazione della quota di un immobile tra fratelli

Nei molteplici intrecci di interessi familiari succedutisi nel tempo, può accadere che la donazione della quota di un immobile tra fratelli aiuti a ristabilire degli equilibri nel tempo sbilanciati.

In principio, che la donazione avvenga tra fratelli, tra zio e nipote, da genitore a figli o viceversa, poco cambia. Le regole da applicare sono sempre le medesime previste dal Codice civile che prescrivono una determinata forma, dei limiti di valore al fine di non sbilanciare le quote previste dalla legge tra eredi, e la possibilità di apporvi condizioni. La normativa fiscale e tributaria dispone infine quale tassazione vada applicata.

Cominciamo quindi a inquadrare la questione con la definizione classica di donazione: la donazione è il contratto con il quale, per spirito di liberalità, una parte arricchisce l’altra, disponendo a favore di questa di un suo diritto o assumendo verso la stessa un’obbligazione.

La donazione può riguardare così cose mobili, diritti perfino del tutto immateriali, fino ai beni immobili e relative quote nel caso di comproprietà ed è proprio in considerazione dell’importanza dei beni trasferibili per donazione che la legge prevede, a pena di nullità, che questa avvenga sempre per atto pubblico, di fronte a due testimoni.

Non solo, perché la donazione immobiliare sia efficace, è necessario che dall’atto risulti che il donatario (cioè, colui che riceve la donazione) la accetti espressamente e senza riserve.

La donazione può inoltre trasferire la proprietà libera da qualsivoglia condizione oppure può subordinarla a determinate condizioni: ad esempio il vincolo a utilizzare l’immobile donato per un determinato fine oppure riservando per il donatario (cioè colui che effettua la donazione) l’usufrutto di quell’immobile che quindi potrà continuare ad abitare e perfino dare in affitto o locazione. Si tratta in questo caso della donazione con riserva di usufrutto ed è tutt’altro che infrequente quando si vogliano anticipare gli effetti di una futura successione.

A seconda del grado di parentela tra donante e donatario la legge prevede diverse aliquote e franchigie che possiamo così riassumere:

Coniuge e i parenti in linea retta, da calcolare sul valore eccedente 1 milione di euro, per ciascun beneficiario4%
Fratelli e sorelle, da calcolare sul valore eccedente 100mila euro, per ciascun beneficiario6%
Parenti diversi dai precedenti fino al quarto grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al terzo grado6% sul valore totale
Ogni altro soggetto8% sul valore totale
Imposta ipotecaria2% del valore dell’immobile o € 200 se ‘prima casa’
Imposta catastale1% del valore dell’immobile o € 200 se ‘prima casa’
Aliquote e franchigie dell’imposta di donazione

Tra fratelli (e sorelle) si applicherà quindi il 6% sul valore della quota donata eccedente gli € 100 mila, oltre al 2% di imposta ipotecaria e all’1% di imposta catastale sempre che il donatario non adibisca l’immobile a ‘prima casa’ e quindi possa convertire le due imposte nel pagamento in misura fissa di € 200 ciascuna.

Come detto, la legge prevede dei limiti nella facoltà di donare, e ciò avviene nel caso in cui il donante abbia dei (possibili, futuri) eredi che con la donazione vedrebbero lesa la propria quota legittima e indisponibile.

A parere di chi scrive è consigliabile verificare con un professionista, anche mediante un semplice parere, gli equilibri attuali e futuri per evitare impugnazioni e contestazioni future.

Ricordiamo a questo proposito che entro 10 (dieci) anni dalla (futura) successione gli eredi legittimari potrebbero impugnare la donazione se lesiva della loro quota indisponibile e l’eventuale acquirente, nel termine di 20 (venti) anni, dovrebbe restituire l’immobile ai legittimi eredi.

Potrebbe interessare:

Eredi legittimi, chi sono e quanto ereditano?



usurarietà del finanziamento

L’assicurazione concorre alla usurarietà del finanziamento

Il costo dell'assicurazione proposta in occasione di un prestito o di un mutuo concorre a determinare la usurarietà del finanziamento e attribuisce al cliente il diritto di ottenere lo stralcio di ogni somma pattuita in conto interessi!

articolo 5 NATO

Cos’è l’articolo 5 NATO e cosa comporta

Dall'inizio delle ostilità in Ucraina si è iniziato subito a parlare dell'articolo 5 NATO, sia da parte della Russia che dei Paesi confinanti le aree interessate. Vediamo cos'è e cosa comporta concretamente...

truffa FTX

Conseguenze (e speranze) dopo la presunta truffa FTX

Chiunque abbia investito in FTX può giustamente sentire il sangue gelare nelle vene da quando la nota piattaforma ha dichiarato bancarotta e si sente parlare di una presunta truffa FTX dalle dimensioni colossali

locazione di una casa vacanze

Aspetti legali della locazione di una casa vacanze

Tra le varie forme di locazione di un immobile abitativo c'è quello degli affitti turistici ed è quindi opportuno valutare tutti gli aspetti legali della locazione di una casa vacanze per evitare sgradite sorprese...

Cessione del credito quando c’è dolo o colpa grave

Cessione del credito quando c’è dolo o colpa grave?

Dopo lunghissima incertezza sulle sorti dei crediti attesi da migliaia di imprese, permarrà esclusivamente il blocco della cessione del credito quando c'è dolo o colpa grave

divieto di utilizzo di camini e stufe a legna

Divieto di utilizzo di camini e stufe a legna, chi rischia la multa?

Il rincaro del gas ha innescato il divieto di utilizzo di camini e stufe a legna che ora analizzeremo sia per quanto riguarda i divieti, le sanzioni e infine le esenzioni possibili