Rimborso per ritardo di TrenItalia, quanto spetta e come averlo

rimborso per ritardo di TrenItalia

Chiunque usi abitualmente il treno per i propri spostamenti ha quasi certamente pensato almeno una volta come chiedere un rimborso per ritardo di TrenItalia, e se sia possibile chiedere un ulteriore risarcimento per i danni conseguenti al ritardo del treno.

Da un punto di vista prettamente giuridico, in base all’articolo 3 delle Condizioni contrattuali, Trenitalia si obbliga a trasportare i passeggeri dal luogo di partenza e fino al luogo di destinazione, previo pagamento del prezzo previsto per il biglietto (tecnicamente, documento di viaggio) e null’altro.

Non vi è quindi alcun riferimento né alla confortevolezza del mezzo in sé, né alla tempistica entro la quale trasportare il passeggero, salvo le indicazioni riportate sull’orario che, a giudizio di chi scrive, valgono appunto come semplici indicazioni.

Per ovviare a questa evidente mancanza bisogna richiamare la disciplina prevista da fonti esterne e di livello superiore a cui le Condizioni di viaggio di TrenItalia devono ovviamente sottostare, quali la legge nr. 911 del 4 aprile 1935, il Regolamento CE nr. 1371 del 2007 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 ottobre 2007 relativo ai diritti ed agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario, ripresi infine anche dalla Legge nr. 9 del 18 febbraio 2009.

Risultato finale è che, fortunatamente, esiste il diritto al rimborso per ritardo di TrenItalia in una misura diversa a seconda dell’importanza del ritardo e del mezzo utilizzato, e fatto salvo un margine operativo di 59 minuti al di sotto dei quali nessun ritardo è risarcibile:

Treni nazionaliMeno di 59 minutiNessun rimborso
Tra 60 e 119 minuti25% del prezzo del biglietto
120 minuti e più50% del prezzo del biglietto
FrecceTra 30 e 59 minuti25% del prezzo del biglietto
Treni regionaliMeno di 59 minutiNessun rimborso
Tra 60 e 119 minuti25% del prezzo del biglietto
120 minuti e più50% del prezzo del biglietto
Tabella del rimborso per ritardo di TrenItalia

I ritardi sono annotati dal sistema di TrenItalia in automatico per cui non è necessario chiedere alcun verbale o farlo annotare sul titolo di viaggio.

Decorse 24 ore si potrà chiedere il rimborso o attraverso l’apposito modulo online, oppure tramite la propria area riservata sul sito di TrenItalia oltre che contattando il Call center, oppure personalmente presso l’agenzia di viaggi o la biglietteria dove lo si sia acquistato.

In genere, per i biglietti acquistati in contanti, è possibile avere il rimborso in contanti mentre in tutti i casi di pagamento online si potrà avere, a scelta, o un buono utilizzabile nei 12 mesi seguenti o il riaccredito del rimborso spettante sulla stessa carta di credito o di debito usata per l’acquisto.

Rispondendo infine alla curiosità a proposito della possibilità di chiedere un ulteriore risarcimento per i danni conseguenti al ritardo del treno, la risposta è, purtroppo, no in via di principio. Come sappiamo, la possibilità di un ritardo è tutt’altro che remota e rientra nell’obbligo di diligenza del viaggiatore metterla in conto, ancor più se la finalità dello spostamento è di una certa importanza.



denuncia di smarrimento della patente online

Denuncia di smarrimento della patente online, istruzioni e consigli utili

Può capitare a tutti di accorgersi che non è dove l'abbiamo sempre tenuta, e dopo averla cercata e ricercata, doversi convincere finalmente che non c'è altra soluzione che fare denuncia di smarrimento della patente online, per fortuna

diritto di ritenzione del meccanico

Diritto di ritenzione del meccanico, lecito a condizione che…

Le spese per la manutenzione o la riparazione dell'auto possono essere importanti e non è infrequente veder applicato il diritto di ritenzione del meccanico sull'auto finché il debito gli sia saldato

nuda proprietà e prima casa

Nuda proprietà e prima casa, le agevolazioni fiscali

Le agevolazioni fiscali che riguardano nuda proprietà e prima casa ricalcano quelle per l'acquisto di ogni abitazione principale offrendo gli stessi vantaggi alle medesime condizioni

si può vendere la nuda proprietà

Si può vendere la nuda proprietà?

Si può vendere la nuda proprietà e si può comprare la nuda proprietà, è un accordo assolutamente lecito fintanto che non vi siano forzature e il prezzo sia corretto

valore della nuda proprietà

Il valore della nuda proprietà

Risulta evidente che il valore della nuda proprietà sia inferiore rispetto al valore della piena proprietà per il semplice fatto che l'usufrutto non può eccedere la vita dell'usufruttuario

acquisto della nuda proprietà

L’acquisto della nuda proprietà

L'acquisto della nuda proprietà è un atto negoziale tra vivi mediante il quale un soggetto acquisterà la proprietà di un bene costituendo, contemporaneamente, un diritto reale di godimento a favore del venditore