GoodDollar, sai cos’è?

Esistono veramente poche iniziative capaci di arricchire qualcuno senza impoverire qualcun altro, e GoodDollar è una di queste.

Nata dal fondatore di eToro, la piattaforma leader mondiale nel trading on-line, GoodDollar è di una semplicità che rasenta l’ovvio e permette da subito, anche a chi non abbia dimestichezza con criptovalute, wallet e blockchain, di usarla.

Lo scopo di G$ è di creare un Reddito di base per chiunque ne abbia bisogno, senza investimenti, senza alcuna contropartita. Come? Sfruttando il segreto inconfessato della banche, ossia la capacità del denaro depositato di generare ben più degli interessi che ci vengono restituiti.

Ipotizziamo che un risparmiatore abbia 1.000 Euro a disposizione. Può depositarli in banca e riceverne gli interessi relativi che, in un anno, al 5% sarebbero 50 Euro… oppure può depositarli su GoodDollar dove, “lavorando” automaticamente sui mercati delle criptomonete, genereranno il doppio.

Metà tornerà al risparmiatore che così non rinuncerà nemmeno a un centesimo degli interessi che avrebbe avuto, e gli altri 50 Euro verranno divisi tra chi chiederà di ricevere l’Universal Basic Income. Tra i quali potrebbe esserci lo stesso risparmiatore.

Ricordiamolo. Scopo della piattaforma è di ridistribuire gli interessi del capitale direttamente nella mani di chi ne faccia quotidianamente richiesta, senza costi di intermediazione o vincoli di alcun tipo.

Tramite questo link Ti puoi registrare, e ricevere 50 goodDollars di benvenuto: https://wallet.gooddollar.org?inviteCode=UKSWVMoweo

Basterà indicare nome, cognome, un’email e un numero di cellulare. Ovviamente trattati con tutte le garanzia della Privacy del nostro GDPR.

Lanciata a fine 2020, la piattaforma sta ancora organizzando il proprio marketplace dove usare i propri G$ che comunque, senza investire nemmeno un centesimo, è possibile reclamare e accumulare fin dall’iscrizione.



Il prof. Mastronardi confermato Garante dei diritti delle vittime di reato

Il prof. Vincenzo Mastronardi è stato nominato Garante dei diritti delle vittime di reato dall'Associazione Nazionale Difensori Civici Italiani, d'intesa con Civicrazia, Coalizione di oltre quattromila Associazioni a tutela del Cittadino.

Green Pass falso, quali reati comporta?

A chi abbia ben chiaro dove e quando sia necessario e, non avendolo, stia pensando di usare un green pass falso o altrui, suggeriamo queste poche righe...

Multa GreenPass, cosa si rischia davvero

Non solo la Multa GreenPass da € 400 a € 1.000 per chi non l'abbia o abbia un certificato falso, scaduto o contraffatto ma anche un'ammenda fino a € 5.000 e l'arresto fino a 18 mesi se violi l'isolamento fiduciario