La cancellazione dell’ipoteca contestuale al rogito

cancellazione dell'ipoteca contestuale al rogito

L’acquirente di un immobile ha diritto di ottenere la cancellazione dell’ipoteca contestuale al rogito ed è vietato al Notaio di procedere al rogito finché non abbia verificato l’avvenuta cancellazione oppure l’esistenza delle condizioni che ne garantiscano la prossima cancellazione.

La situazione ricorrente è quella in cui l’acquirente di un immobile, sia esso di nuova costruzione magari ancora in corso oppure già esistente, abbia firmato un contratto preliminare di acquisto e versato una caparra confirmatoria o penitenziale, e aspetti quindi il successivo passo della formalizzazione dell’atto definitivo d’acquisto davanti al Notaio scelto.

In entrambe le eventualità l’immobile sarà quasi certamente gravato da ipoteca, o a seguito del finanziamento intestato al costruttore con il quale quest’ultimo abbia finanziato il cantiere, o intestato al venditore fin dalla concessione del mutuo con cui abbia acquistato.

Si tratta di situazioni del tutto lecite la cui funzione è quella propria dell’ipoteca quale strumento per garantire il finanziatore, in genere una banca, delle somme erogate, ed è quindi evidente che chi acquisti l’immobile, pagandone per intero il giusto prezzo, voglia (e abbia diritto di) acquistare un immobile libero da ogni peso e pregiudizio.

In proprio aiuto viene il Decreto Legislativo 20 giugno 2005, nr. 122 recante Disposizioni per la tutela dei diritti patrimoniali degli acquirenti di immobili da costruire secondo il quale il Notaio rogante non potrà procedere con il rogito fintanto che l’immobile oggetto di compravendita sia gravato da ipoteca.

Obbligo di cancellazione o frazionamento dell’ipoteca antecedente alla compravendita
Il notaio non può procedere alla stipula dell’atto di compravendita se, anteriormente o contestualmente alla stipula, non si sia proceduto alla suddivisione del finanziamento in quote o al perfezionamento di un titolo per la cancellazione o frazionamento dell’ipoteca a garanzia o del pignoramento gravante sull’immobile.

Art. 8 del Decreto legislativo nr. 122 del 2005

Prima della compravendita il Notaio riceverà quindi la somma necessaria alla cancellazione dell’ipoteca esistente che terrà su un proprio conto corrente a ciò dedicato in modo da poter assicurare, se non proprio la cancellazione dell’ipoteca contestuale al rogito, il compimento comunque delle formalità del caso che possono richiedere alcuni giorni ma alle quali nulla osta avendo anche raccolto l’assenso del creditore alla cancellazione dell’ipoteca iscritta.

La cancellazione dell’ipoteca contestuale al rogito non sarà necessaria nel caso, previsto dall’articolo 8 sopra richiamato, in cui l’acquirente si accolli la restante quota del mutuo esistente (e con esso quindi l’ipoteca corrispondente). In questo caso il prezzo versato terrà in conto dell’importo residuo di mutuo il cui obbligo di restituzione, previo assenso della banca, si trasferirà quindi in capo all’acquirente.



pensione alla casalinga sposata

Quale pensione alla casalinga sposata?

Nel caso sia la moglie a occuparsi della gestione della casa (e della famiglia), la Legge prevede il pagamento della pensione alla casalinga sposata a condizione che abbia aderito per tempo all'apposito Fondo...

cane legato

Occhio a lasciare il cane legato fuori o all’interno di un negozio

Lasciare il cane legato per allontanarsi a fare la spesa può costare caro. Pubblichiamo un articolo dell'avv. Portoghese che illustra i casi più frequenti di responsabilità del proprietario...

il valore della firma scansionata

Quale è il valore della firma scansionata?

Nel sovrapporsi degli strumenti informatici disponibili sorge legittimamente il dubbio su quale sia il valore della firma scansionata e apposta a un documento scambiato in forma digitale...

denuncia per aggressione le conseguenze penali

Denuncia per aggressione, le conseguenze penali

Premesso che non è aggressione solo quella fisica ma anche quella verbale, nel caso di una denuncia per aggressione le conseguenze penali variano a seconda delle aggravanti e delle lesioni riportate dalla vittima

coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Dopo la loro larghissima diffusione nel '900 in àmbito industriale e residenziale, coperture in Eternit e obbligo di rimozione rappresentano un costoso e pericoloso problema da valutare caso per caso...

il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Decorso il termine entro il quale doveva obbligatoriamente essere emessa fattura è possibile procedere autonomamente con il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica al fine di evitare le pesanti sanzioni altrimenti previste