L’impugnativa del testamento nei termini

impugnativa del testamento nei termini

Sia nel caso di nullità che di annullabilità del testamento, chi si ritenga danneggiato dalle disposizioni in esso raccolte può presentare una impugnativa del testamento nei termini che la legge prevede, molto diversi a seconda del caso concreto.

Abbiamo già avuto modo di parlare degli eredi legittimi, chi sono e quanto ereditano insieme agli eventuali legatari che abbiano già ricevuto oppure ai quali siano stati riservati determinati beni in base a specifiche disposizioni del de cuius, tutte figure previste dall’art. 588 del Codice civile nei confronti dei quali (tutti) andrà presentata l’impugnativa del testamento nei termini che vedremo qui di seguito.

Le disposizioni testamentarie, qualunque sia l’espressione o la denominazione usata dal testatore, sono a titolo universale e attribuiscono la qualità di erede, se comprendono l’universalità o una quota dei beni del testatore. Le altre disposizioni sono a titolo particolare e attribuiscono la qualità di legatario.

Art. 588, Comma 1, Codice civile

Cominciamo con il caso in cui il testamento sia annullabile.

E’ l’ipotesi frequente di chi non fosse nel pieno delle proprie facoltà di intendere e volere al momento della redazione del testamento, oppure abbia dimenticato elementi non fondamentali per la validità dello stesso come la data della sottoscrizione la cui conoscenza sarebbe fondamentale nel caso di più versioni dello stesso documento per determinare quale sia l’ultima da rispettare. Sarà inoltre annullabile il testamento viziato da un errore di valutazione circa specifiche situazioni, così come nel caso in cui vi sia stato dolo o violenza tali da aver influenzato la volontà del testatore.

Nei casi appena visti, è possibile l’impugnativa del testamento nei termini di 5 (cinque) anni dal momento in cui vi sia stata data esecuzione oppure, a maggior tutela del danneggiato, dalla data in cui la ragione di annullabilità sia stata scoperta.

Nel caso invece di nullità del testamento, quando manchi un elemento essenziale per la validità, ad esempio la firma del de cuius in calce a un testo non scritto inequivocabilmente di proprio pugno, oppure quando i vizi siano di ben maggiore gravità come una motivazione illecita alla base delle disposizioni ivi raccolte che sia desumibile dal testo del testamento medesimo ,oppure ancora altre ipotesi espressamente previste dalla legge quali il cosiddetto testamento reciproco

In queste ipotesi non esistono termini entro i quali poter presentare l’impugnativa del testamento essendo sempre possibile a condizione che, chi avesse diritto a impugnarlo, pur conoscendo i motivi di nullità, non abbia già dato volontariamente esecuzione alle disposizioni nulle o non abbia già dimostrato concretamente acquiescenza verso le stesse.

L’impugnativa del testamento nei termini andrà presentata in Tribunale, per mezzo di un Avvocato iscritto all’Ordine degli Avvocati del luogo ove è avvenuta l’apertura della successione e, come detto, coinvolgerà tutti gli eredi e i legatari che, se accolta, dovranno o restituire i beni ricevuti o versare all’asse ereditario ‘legittimo’ l’equivalente valore.

Photo credit, Adobe Stock license 358185895



pensione alla casalinga sposata

Quale pensione alla casalinga sposata?

Nel caso sia la moglie a occuparsi della gestione della casa (e della famiglia), la Legge prevede il pagamento della pensione alla casalinga sposata a condizione che abbia aderito per tempo all'apposito Fondo...

cane legato

Occhio a lasciare il cane legato fuori o all’interno di un negozio

Lasciare il cane legato per allontanarsi a fare la spesa può costare caro. Pubblichiamo un articolo dell'avv. Portoghese che illustra i casi più frequenti di responsabilità del proprietario...

il valore della firma scansionata

Quale è il valore della firma scansionata?

Nel sovrapporsi degli strumenti informatici disponibili sorge legittimamente il dubbio su quale sia il valore della firma scansionata e apposta a un documento scambiato in forma digitale...

denuncia per aggressione le conseguenze penali

Denuncia per aggressione, le conseguenze penali

Premesso che non è aggressione solo quella fisica ma anche quella verbale, nel caso di una denuncia per aggressione le conseguenze penali variano a seconda delle aggravanti e delle lesioni riportate dalla vittima

coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Dopo la loro larghissima diffusione nel '900 in àmbito industriale e residenziale, coperture in Eternit e obbligo di rimozione rappresentano un costoso e pericoloso problema da valutare caso per caso...

il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Decorso il termine entro il quale doveva obbligatoriamente essere emessa fattura è possibile procedere autonomamente con il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica al fine di evitare le pesanti sanzioni altrimenti previste