La pensione di reversibilità al coniuge divorziato senza assegno di mantenimento

pensione di reversibilità al coniuge divorziato senza assegno di mantenimento

Una domanda ricorrente è se spetti la pensione di reversibilità al coniuge divorziato senza assegno di mantenimento. Non sempre infatti tutte le prestazioni erogate a favore del de cuius si trasferiscono al coniuge superstite.

Diciamo subito che con la fine definitiva del matrimonio, sancita dalla sentenza di divorzio, non spetterà più la pensione di reversibilità al coniuge divorziato senza assegno di mantenimento mentre toccherà all’ex coniuge che sia titolare di un assegno divorzile, finché abbia diritto anche a quest’ultimo.

Per un approfondimento circa i diritti che vengono conservati, e quelli che vengono persi dalla ex moglie con il divorzio, si veda il nostro breve approfondimento: Tutti i diritti della ex moglie dopo il divorzio.

Alla stessa stregua dell’ex moglie titolare di assegno divorzile, spetterà la pensione di reversibilità al coniuge che sia solo separato in quanto la separazione, come è noto, non risolve il vincolo matrimoniale ma produce solo un allentamento dei reciproci obblighi.

Nella scheda a ciò dedicata di INPS è riportato chiaramente che hanno diritto al trattamento pensionistico, in quanto superstite, il coniuge divorziato a condizione che sia titolare dell’assegno divorzile (definito spesso impropriamente ‘assegno di mantenimento’), purché non sia passato a nuove nozze e sempre che la data di inizio del rapporto assicurativo del de cuius sia precedente alla data della sentenza che ha dichiarato lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio.

Se vi avesse avuto diritto, la pensione di reversibilità al coniuge divorziato senza assegno di mantenimento sarebbe stata pari al 60% (sessanta percento) della pensione percepita dal de cuius, dell’80% (ottanta percento) in presenza di un figlio, del 100% in caso di due figli, a partire dal primo giorno del mese successivo al decesso.

Photo credit, Adobe Stock license 305312434



pensione alla casalinga sposata

Quale pensione alla casalinga sposata?

Nel caso sia la moglie a occuparsi della gestione della casa (e della famiglia), la Legge prevede il pagamento della pensione alla casalinga sposata a condizione che abbia aderito per tempo all'apposito Fondo...

cane legato

Occhio a lasciare il cane legato fuori o all’interno di un negozio

Lasciare il cane legato per allontanarsi a fare la spesa può costare caro. Pubblichiamo un articolo dell'avv. Portoghese che illustra i casi più frequenti di responsabilità del proprietario...

il valore della firma scansionata

Quale è il valore della firma scansionata?

Nel sovrapporsi degli strumenti informatici disponibili sorge legittimamente il dubbio su quale sia il valore della firma scansionata e apposta a un documento scambiato in forma digitale...

denuncia per aggressione le conseguenze penali

Denuncia per aggressione, le conseguenze penali

Premesso che non è aggressione solo quella fisica ma anche quella verbale, nel caso di una denuncia per aggressione le conseguenze penali variano a seconda delle aggravanti e delle lesioni riportate dalla vittima

coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Dopo la loro larghissima diffusione nel '900 in àmbito industriale e residenziale, coperture in Eternit e obbligo di rimozione rappresentano un costoso e pericoloso problema da valutare caso per caso...

il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Decorso il termine entro il quale doveva obbligatoriamente essere emessa fattura è possibile procedere autonomamente con il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica al fine di evitare le pesanti sanzioni altrimenti previste