Il disconoscimento delle operazioni non riconosciute sul conto o sulla carta

disconoscimento delle operazioni non riconosciute sul conto o sulla carta

A distanza di magari un mese, quando ci viene generalmente consegnato il riepilogo delle operazioni e le scorriamo, capita spesso di non riconoscere una spesa addebitata e di voler fare subito il disconoscimento delle operazioni non riconosciute sul conto o sulla carta.

In effetti, come abbiamo già avuto modo di vedere trattando il vastissimo fenomeno delle truffe su Marketplace oltre a tutte quelle che quotidianamente avvengono più generalmente online che vanno dal phishing al furto di identità, le possibilità che una spesa non sia effettivamente riconducibile a noi è assai probabile e il disconoscimento delle operazioni non riconosciute sul conto o sulla carta va fatto quanto prima per non incorrere in eventuali decadenze o nella ripetizione dell’addebito…

La sequenza suggerita, a giudizio di chi scrive, è di telefonare oppure inviare un’e-mail all’Istituto bancario dove è stato eseguito l’addebito segnalando l’anomalia riscontrata (possibilmente a mezzo PEC), sporgere querela o denuncia contro ignoti per l’uso non autorizzato delle coordinate bancarie o della carta di credito o di debito presso il servizio online della Polizia postale oppure personalmente recandosi alla locale Stazione dei Carabinieri, dare comunicazione dell’addebito non autorizzato al soggetto presso il quale le credenziali sono state spese.

Ciò detto, è bene fermarsi un attimo a riflettere, chiedendo a tutti i familiari e a chi avrebbe potuto avere accesso ai dati di pagamento usati se siano del tutto estranei all’accaduto. Come abbiamo già spiegato nel nostro articolo: Conseguenze di un esposto alla Procura della Repubblica, le ripercussioni possono essere pesanti e non capita di rado che la pista porti a un figlio o un familiare stretto prima ancora che a un cracker chissà dove.

Infine, converrà verificare se e in quale misura l’accaduto possa dipendere dallo stesso soggetto che procede al disconoscimento delle operazioni non riconosciute sul conto o sulla carta. Il codice segreto conservato insieme alla carta di credito o di debito, ad esempio, oppure i codici di sicurezza dell’home banking annotati dove chiunque li potrebbe vedere, saranno di sicuro validi argomenti per la banca che voglia opporsi al riaccredito delle somme contestate.

Per farsi un’idea, diciamo che l’articolo 493 ter del Codice penale prevede che: ‘Chiunque al fine di trarne profitto per sé o per altri, indebitamente utilizza, non essendone titolare, carte di credito o di pagamento, ovvero qualsiasi altro documento analogo che abiliti al prelievo di denaro contante o all’acquisto di beni o alla prestazione di servizi, é punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da 310 a 1.550 Euro’.

Tutto ciò detto, sono disponibili in rete vari moduli per il disconoscimento delle operazioni predisposti dai maggiori Istituti bancari. Riportiamo qui per semplicità quelli di Intesa Sanpaolo, di BPER, Unicredit, BPM che è sempre bene consegnare con le modalità che gli stessi suggeriranno, per maggior velocità, ma anche in una forma che dia la prova dell’avvenuta consegna come la raccomandata a.r. o la PEC indirizzata alla sede legale se non sia rintracciabile un indirizzo PEC più specifico unitamente alla copia della querela o denuncia presentata.

Il riaccredito dell’addebito non riconosciuto e contestato avviene di norma il primo giorno lavorativo successivo a quello di segnalazione del disconoscimento, ragion per cui la prova dell’avvenuta consegna sarà importante nel caso si debba agire in giudizio per il riconoscimento del proprio diritto al rimborso.

La banca e l’Istituto che abbiano emesso la carta di credito o di debito sono tenuti al riaccredito della somma illegittimamente addebitata a condizione che, come visto sopra, non sia ravvisabile un comportamento colposo del cliente che abbia quindi, pur non deliberatamente, agevolato l’accaduto.

Altrettanto, non saranno tenuti al riaccredito delle somme così sottratte nel caso in cui venisse accertato un comportamento doloso se non addirittura fraudolento del cliente che abbia quindi agito deliberatamente con l’intenzione di far apparire come ‘sconosciuto’ l’addebito invece a lui riconducibile e quindi perfettamente ‘conosciuto’. In tutto ciò, oltre alla tentata frode ai danni della banca, si metta in conto l’ulteriore reato consistente nella presentazione di una querela o denuncia (evidentemente) non fondata.

Oltre alle ipotesi criminose, va detto che esistono anche altre ragioni per procedere al disconoscimento delle operazioni non riconosciute sul conto o sulla carta. Si pensi al caso in cui lo sportello automatico contabilizzi un prelievo senza però erogare la corretta quantità di contante. Si pensi a un doppio addebito oppure all’addebito di un’utenza invece cessata da alcuni giorni.

Infine, suggeriamo per completezza di trattazione di verificare su contratto sottoscritto all’apertura del conto corrente, o con la richiesta di emissione della carta di credito o di debito di che trattasi, se sia prevista una franchigia a favore della banca o dell’emittente. Specialmente nel caso delle carte dotate dei microchip più recenti, e dei conti correnti con autenticazione a due fattori, potrebbe essere prevista una franchigia nell’ordine di poche centinaia di Euro al disotto della quale saranno legittimati a non procedere al rimborso della spesa contestata.

Photo credit, Adobe Stock license 211773136



rimborso del biglietto aereo per mancata partenza

Rimborso del biglietto aereo per mancata partenza

Le ragioni per cui non si riesca a decollare con il volo prenotato sono molte e molto spesso si ha diritto al rimborso del biglietto aereo per mancata partenza

patentino per condurre un cane

Perché sono contrario al patentino per condurre un cane

Pubblichiamo un autorevole contributo sulle ragioni per cui si debba essere contrari alla previsione del patentino per condurre un cane come invece imposto da alcuni Regolamenti comunali per il benessere e la tutela degli animali

risarcimento per il ritardo nella consegna del bagaglio

Risarcimento per il ritardo nella consegna del bagaglio

Non ogni ritardo permette un risarcimento per il ritardo nella consegna del bagaglio ma solo quello che, oltre alla fastidiosa attesa, crei effettivamente un danno di tipo patrimoniale al viaggiatore aereo...

le auto ibride pagano il bollo

Le auto ibride pagano il bollo?

In assenza di una normativa nazionale che garantisca un incentivo uniforme all'acquisto di veicoli non inquinanti, offriamo una tabella riassuntiva delle regioni in cui le auto ibride pagano il bollo e in che misura

volo cancellato per carenza di personale

Volo cancellato per carenza di personale

Nel caso di volo cancellato per carenza di personale è la normativa a imporre un minimo di componenti dell'equipaggio senza pregiudicare però i diritti del passeggero

volo cancellato per maltempo

Volo cancellato per maltempo? Ecco i tuoi diritti…

Con fenomeni atmosferici sempre più estremi, la possibilità di avere il volo cancellato per maltempo è sempre più probabile per cui il passeggero aereo farà bene a memorizzare quali siano i propri diritti e come farli valere!