Il risarcimento danni del datore di lavoro per l’infortunio del dipendente

Il risarcimento danni del datore di lavoro per l'infortunio del dipendente

Il dipendente che abbia un infortunio sul lavoro è tutelato dall’assicurazione obbligatoria fornita dall’INAIL ma esiste anche il risarcimento danni del datore di lavoro per l’infortunio del dipendente a propria ulteriore tutela.

Ogni datore di lavoro è infatti obbligato a stipulare l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro a favore del proprio dipendente che lo copra, sin dal momento dell’assunzione, nel caso di inabilità al lavoro temporanea e permanente, così come per i danni permanenti di una certa entità riportati a seguito dell’infortunio.

La prima forma di risarcimento danni per l’infortunio del dipendente viene quindi dall’INAIL.

Inabilità temporaneadal 4° al 90° giorno60% della retribuzione
dal 91° giorno75% della retribuzione
Inabilità permanentedal 4° al 90° giorno60% della retribuzione
dal 91° giorno75% della retribuzione
Danni permanentidal 6% al 15%risarcimento del danno biologico
Danni permanentidal 16% al 100%rendita mensile per danno biologico e risarcimento danni
Danno biologicofino al 6%a carico del datore di lavoro
oltre il 6%a carico dell’INAIL
Dannicon invalidità al 100%assegno per assistenza alla persona
Danni con invalidità dal 34%assegno per incollocabilità
Morterendita al coniuge / figli superstiti
Tabella riassuntiva della copertura INAIL

Cosa si intende per infortunio sul lavoro?

La definizione di infortunio sul lavoro è contenuta nell’art. 2 del DPR nr. 1124 del 1965, Testo unico delle disposizioni per l’assicurazione obbligatoria che, nel definire i casi in cui l’assicurazione obbligatoria intervenga, così lo definisce:

L’assicurazione comprende tutti i casi di infortunio avvenuti per causa violenta in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un’inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, ovvero un’inabilità temporanea assoluta che importi l’astensione dal lavoro per più di tre giorni.

Art. 2 DPR nr. 1124 del 1965

Si considera infortunio sul lavoro quindi ogni evento lesivo della salute del dipendente che ne determini l’inabilità temporanea al lavoro per un periodo superiore a 3 (tre) giorni, l’inabilità permanente o, addirittura, la morte.

Il risarcimento danni del datore di lavoro

Come visto, l’assicurazione obbligatoria dell’INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro) opera a partire dal quarto giorno di inabilità temporanea lasciando così a carico del datore di lavoro l’indennizzo relativo ai primi 3 (tre) giorni.

Inoltre, l’INAIL risarcirà il cosiddetto danno biologico che ecceda il 6% lasciando a carico del datore di lavoro il risarcimento per i primi 6 (sei) punti percentuali appunto.

Infine, il datore di lavoro è tenuto a versare il cosiddetto danno differenziale, ossia la parte di danno non coperta dall’INAIL fino al completo risarcimento del lavoratore ogni volta che sia accertata la mancata predisposizione delle necessarie misure previste dalla legge in materia di sicurezza e prevenzione.

Inabilità temporaneaprimi 3 (tre) giorni
Danno biologicoprimi 6 punti percentuali
Danno differenzialeoltre la copertura massima INAIL
Tabella riassuntiva della copertura a carico del datore di lavoro

Entro quando va chiesto il risarcimento per infortunio sul lavoro?

A seconda che si tratti dell’erogazione a carico dell’INPS o del risarcimento spettante al datore di lavoro, esistono tempi diversi entro i quali la richiesta di risarcimento va inoltrata.

Nel caso di indennizzo a carico dell’INAIL, la richiesta va presentata entro 3 (tre) anni dall’infortunio mentre nei confronti del datore di lavoro, rientrando nella più generale responsabilità contrattuale di quest’ultimo, la richiesta di risarcimento danni va presentata entro 10 (dieci) anni dall’infortunio.

Risarcimento e colpa del dipendente

L’assicurazione obbligatoria provvista dall’INAIL copre anche le eventualità in cui l’infortunio sul lavoro sia dipeso dal comportamento imprudente o negligente del dipendente stesso purché non determinato dall’assenza dei requisiti minimi necessari per lo svolgimento di quelle specifiche mansioni, o purché l’infortunio non sia conseguenza dell’abuso di alcool o stupefacenti.

Per approfondimento:

DPR nr. 1124 del 1965, Testo unico delle disposizioni per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali

Photo credit, Adobe Stock 270376177



lista delle accise sulla benzina

Il falso mito della lista delle accise sulla benzina

Aleggia da sempre una lunga e oggettivamente incredibile lista delle accise sulla benzina che, dalla guerra in Etiopia alle più recenti alluvioni e terremoti, ne appesantirebbero il prezzo al litro...

donazione a un solo figlio

E’ lecita la donazione a un solo figlio?

In molte più occasioni di quante si creda si ripresenta la questione della donazione a un solo figlio di una somma di denaro, un oggetto di valore o un immobile a discapito di altri figli...

trasferirsi in Svizzera senza lavoro

Trasferirsi in Svizzera senza lavoro

Quello di trasferirsi in Svizzera senza lavoro è un desiderio ricorrente sia dalle province confinanti, attratti dalle retribuzioni e da un'organizzazione che ostenta efficienza, sia da terre lontane, attratti da caratteristici paesaggi alpini e dalla eco di benefici fiscali tutti da verificare...

permessi di soggiorno in Svizzera

Breve guida ai permessi di soggiorno in Svizzera

Una delle caratteristiche della Svizzera che attrae è l'applicazione rigorosa delle norme e dovrebbe quindi apparire evidente da subito l'impossibilità di trasferirvisi senza uno dei permessi di soggiorno in Svizzera disponibili...

firmare digitalmente un documento Pdf

Come firmare digitalmente un documento Pdf

A scanso di equivoci, chiariamo subito che firmare digitalmente un documento Pdf non significa apporvici la firma di proprio pugno usando uno degli avveniristici tablet che ci offrono in banca, ad esempio.

vietati i botti di Capodanno

Vietati i botti di Capodanno, in tutta Italia!

Animalisti e amanti dei festeggiamenti più sobri saranno felici di sapere che sono vietati i botti di Capodanno, in tutta Italia!