La chiusura del conto corrente cointestato con il defunto senza successione

chiusura del conto corrente cointestato con il defunto senza successione

La chiusura del conto corrente cointestato con il defunto senza successione pone alcuni problemi di ordine pratico e di diritto, come vedremo di seguito, ma non è certo impossibile.

Alla morte di una persona, infatti, tutti i rapporti attivi e passivi riconducibili al de cuius dovrebbero essere bloccati in modo che chiunque abbia diritti da vantare possa farlo senza pericolo di vedere vanificate le proprie legittime pretese non trovando più né il conto corrente né quanto esso conteneva…

Per venire però incontro alle esigenze degli eredi, che spesso si trovano di fronte all’esigenza di dover pagare spese inaspettate per le onoranze funebri o per cure mediche o ancora semplicemente per fatture o bollette pendenti, la banca può scegliere di disapplicare la regola del blocco automatico del conto corrente una volta che abbia appreso della scomparsa del proprio correntista, tutelandosi con la richiesta di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio (o di una autocertificazione) con la quale gli stessi eredi, sotto la propria responsabilità, dichiarino di essere gli unici eredi e di rientrare nelle ipotesi previste dalla legge in cui la dichiarazione di successione non sia obbligatoria.

La chiusura del conto corrente cointestato con il defunto senza successione è infatti possibile quando il patrimonio caduto in successione sia inferiore a € 100.000,00 (centomila), quando non comprenda immobili e quando gli unici eredi siano il coniuge (così come il congiunto o la congiunta more uxorio) oppure i genitori o i figli (naturali o adottivi, senza distinzioni).

La banca in questione potrebbe aver predisposto una procedura diversa a tal fine, magari su una propria modulistica, ma nella sostanza quanto sopra dovrebbe sempre valere se accompagnato dal certificato di morte del titolare del conto corrente e dai documenti d’identità di chi afferma di essere erede legittimo. [Vedi anche: Eredi legittimi, chi sono e quanto ereditano?]

Se quanto sopra è valido sempre, anche nel caso in cui il conto corrente sia intestato solo al de cuius, a maggior ragione la chiusura del conto corrente cointestato con il defunto senza successione sarà possibile quando il conto sia cointestato.

Il blocco del conto corrente infatti pregiudicherebbe la libertà di agire del cointestatario superstite, sia per la porzione che, in assenza di diverse indicazioni, a giudizio di chi scrive deve ritenersi proporzionata al numero di cointestatari, sia per la restante parte a cui, con la cointestazione, il de cuius gli/le aveva dato accesso con piena facoltà di disporne perfino la chiusura.

Anche nell’eventualità in cui, per questo tipo di operazione, fosse stato disposto l’obbligo delle firme congiunte dei cointestatari, a quella del de cuius evidentemente impossibile si sostituirebbe quella dell’erede che, presentando l’atto notorio o l’autocertificazione di cui sopra, agirebbe apponendo la firma mancante.


Se il conto è cointestato “a firme disgiunte” è sufficiente che la richiesta di chiusura sia firmata da un solo cointestatario; se invece la cointestazione è “a firme congiunte” è necessaria la firma di tutti i cointestatari.

Estratto dalla Guida alla chiusura del conto corrente di Banca Intesa Sanpaolo (Pdf)

Come chiudere un conto cointestato? È necessario che tutti i titolari del conto ne chiedano l’estinzione, se il rapporto è stato aperto a firma congiunta. Se il conto è cointestato a firma disgiunta, ciascuno dei cointestatari, singolarmente, ne può richiedere la chiusura.

Estratto dalla Guida al conto cointestato di BPER Banca

Photo credit, Adobe Stock license 265607822



calcola l'imposta di registro sulla prima casa

Come si calcola l’imposta di registro sulla prima casa?

Nel valutare l'onerosità dell'acquisto di un immobile vanno considerate una serie di spese accessorie e sapere quando e come si calcola l'imposta di registro sulla prima casa può essere molto utile...

legittimo l'obbligo vaccinale

Legittimo l’obbligo vaccinale: multe dovute e addio stipendio

La Corte costituzionale ha anticipato la sentenza con la quale ha dichiarato legittimo l'obbligo vaccinale e ineludibile quindi l'obbligo di pagamento delle sanzioni senza possibilità di ricevere alcuna retribuzione per il periodo di sospensione...

usurarietà del finanziamento

L’assicurazione concorre alla usurarietà del finanziamento

Il costo dell'assicurazione proposta in occasione di un prestito o di un mutuo concorre a determinare la usurarietà del finanziamento e attribuisce al cliente il diritto di ottenere lo stralcio di ogni somma pattuita in conto interessi!

articolo 5 NATO

Cos’è l’articolo 5 NATO e cosa comporta

Dall'inizio delle ostilità in Ucraina si è iniziato subito a parlare dell'articolo 5 NATO, sia da parte della Russia che dei Paesi confinanti le aree interessate. Vediamo cos'è e cosa comporta concretamente...

truffa FTX

Conseguenze (e speranze) dopo la presunta truffa FTX

Chiunque abbia investito in FTX può giustamente sentire il sangue gelare nelle vene da quando la nota piattaforma ha dichiarato bancarotta e si sente parlare di una presunta truffa FTX dalle dimensioni colossali

locazione di una casa vacanze

Aspetti legali della locazione di una casa vacanze

Tra le varie forme di locazione di un immobile abitativo c'è quello degli affitti turistici ed è quindi opportuno valutare tutti gli aspetti legali della locazione di una casa vacanze per evitare sgradite sorprese...