Rilevanza delle condotte riparatorie e Mediazione penale

e. L’orientamento della Corte Costituzionale

L’utilizzo a fini processuali dell’avvenuto risarcimento integrale del danno ha sollevato alcuni dubbi circa i profili di eventuale incostituzionalità della disposizione in esame per contrasto con il principio di uguaglianza ex art. 3 Cost., essendo formulata secondo una logica discriminatoria su base censitaria: “chi può pagare il congruo risarcimento viene esentato dalla condanna penale, mentre chi non ha capacità economica, dovrà subire il processo e l’eventuale condanna”(7)In proposito, appare tuttavia opportuno segnalare come già in passato la Corte Costituzionale si sia espressa sulla legittimità degli istituti penali-premiali fondati sulle condotte riparatorie del danno conseguente alla commissione di un reato, quali ad esempio la circostanza attenuante ex art. 62 n.6 c.p., negando che tali previsioni normative, sebbene prima facie censitarie, contrastino sia con il principio di uguaglianza che con il diritto di difesa ex art. 24 Cost., poiché l’Ordinamento prevede sì diritti soggettivi ai quali riserva tutela mediante il processo, ma allo stesso tempo non prevede il cd. “diritto all’attenuante”(8), dovendosi configurare come onere (9) e non diritto soggettivo, lo sforzo sostenuto dall’imputato per ottenere un vantaggio processuale (per es. il riconoscimento dell’attenuante, oppure l’estinzione del reato per condotte riparatorie).Merita, ancora di essere sottolineato il recente orientamento, favorevole alla vittima di reato, della Corte di Legittimità che con la sentenza n.88 del 2018, ha stabilito che, in tema equa di riparazione per la irragionevole durata del processo, prevista dall’art. 4 della legge 24 marzo 2001, n. 89 (Previsione di equa riparazione in caso di violazione del termine ragionevole del processo e modifica dell’articolo 375 del codice di procedura civile).La Cassazione aveva sollevato la incostituzionalità della norma ravvisato nel differimento dell’esperibilità del rimedio un pregiudizio alla sua effettività, sollecitando l’intervento correttivo del legislatore. Il vulnus costituzionale riscontrato, tuttavia, non sarebbe stato ovviato dai rimedi preventivi frattanto introdotti dall’art. 1, comma 777, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, recante «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge distabilità 2016)», volti a prevenire l’irragionevole durata del processo ma non incidenti sull’effettività della tutela indennitaria una volta che essa sia maturata; pertanto, il monito allora impartito sarebbe rimasto inascoltato, perdurando l’illegittimità costituzionale del differimento aggravata dalla definitiva improponibilità della domanda di equa riparazione prematuramente avanzata.In conseguenza la Corte Costituzionale, accogliendo i rilievi della Cassazione, ha dichiarato l’incostituzionalità della norma nella parte in cui la stessa non prevede che la domanda di equa riparazione possa essere presentata in presenza del procedimento.



Reclamo TIM

Reclamo TIM, come farsi prendere sul serio

La Carta dei servizi sottoscritta da TIM prevede che il Reclamo TIM sia inviato in due modalità dal sapore decisamente 'vintage': a mezzo fax o mediante lettera. Aggiungiamo noi per esperienza diretta la possibilità di inviare un'email e perfino una PEC...

Restituzione Amazon guida

Restituzione Amazon, breve guida per orientarsi

Anche al colosso delle vendite on-line si applica la normativa italiana sul Diritto di recesso che permette, in caso di ripensamento e senza doversi giustificare in alcun modo, la restituzione di quasi tutti i prodotti acquistati entro 14 giorni dalla loro consegna (restituzione Amazon).

studio legale avv augusto guerriero

Riconosciuto il risarcimento per la durata irragionevole del procedimento

La legge ‘Pinto’ del 24 marzo 2001 nr. 89 stabilisce il diritto all’equa riparazione in caso di violazione del termine ragionevole del processo con una precisa individuazione della durata massima di ciascuna procedura. Si considera...

studio legale avv augusto guerriero

La colpa della vittima non esclude il diritto al risarcimento

Pubblichiamo l’allegata sentenza che conferma il principio secondo cui la colpa della vittima non esclude, ma solo riduce, la misura del risarcimento dovuto dal soggetto primo responsabile. Stabilisce in proposito l’art. 1227 Cod. civ. –...

Sovraindebitamento: Liberati dai debiti e riparti pulito

Quello scritto da Bertollo è un volume sicuramente utile, scritto per informare su una soluzione possibile al problema del sovraindebitamento

Denuncia per calunnia

Come esporre denuncia per calunnia

Conseguenze denuncia penale per calunnia, il reato di calunnia viene infatti commesso da colui che accusi di un reato un soggetto che sappia con certezza sia in realtà innocente.

informazione giuridica

GDPR e Decreto Legislativo 101/2018

GDPR e Decreto Legislativo 101/2018A cura di Marco Martorana, Cedam Il Regolamento Europeo 679/2016 rappresenta una “rivoluzione copernicana” in materia di privacy e protezione dei dati personali scardinando l’intero assetto di sicurezza descritto dal Codice...

informazione giuridica

La Verità scritta da un Avvocato

Come estinguere i debiti grazie alla legge sul sovraindebitamentoA cura di Monica Pagano, Primiceri Editore Attraverso un linguaggio chiaro, senza tecnicismi, il libro si rivolge al cittadino comune e in particolare a coloro che vivono...

Investimento in diamanti in banca

Investimento in diamanti, chi è stato indotto a investire ha ancora speranza di recuperare i denari perduti

Sembrava che dopo il disastro Lehman Brothers i guai per i risparmiatori, che già avevano perso denaro con i titoli Parmalat, Cirio, Giacomelli e così via, fossero terminati. Purtroppo non è stato così. Prima è...

Profilazione dei dati sanitari

La profilazione dei dati sanitari, spunti di riflessione

L’altro giorno attraverso Linkedin sono stato coinvolto in un’interessante discussione sulle banche dati genetiche (e la profilazione dei dati sanitari). Il discorso prendeva le mosse dal caso dell’Ogliastra pubblicato su la stampa in data 31...

Ius soli e riforma della cittadinanza italiana

Il diritto di ciascuno Stato di determinare i modi di acquisto e di perdita della cittadinanza è stato riconosciuto come un principio di diritto internazionale consuetudinario. Pertanto, rientra tra le competenze esclusive degli Stati definire...

criptovalute e blockchain

Criptovalute e blockchain, nascita, funzionamento ed evoluzione

Ancora fresca è la diffusione dell’analisi di Jim Reid (credit strategist di Deutsche Bank), intitolata The Start of the End of Fiat Money, nella quale egli sostiene che le valute fiat, cioè quelle stampate dalle...