Risarcimento danni per la merce danneggiata

risarcimento danni per la merce danneggiata

Tra milioni di pacchi trasportati ogni giorno, è possibile riceverne uno il cui contenuto abbia subito qualche ammaccatura o che si sia rotto e si pone quindi il problema del risarcimento danni per la merce danneggiata dal corriere.

In questa eventualità non si tratta quindi di un difetto del prodotto addebitabile al produttore o al venditore che rientri nella garanzia a cui sono tenuti per legge (potrebbero interessare i casi analoghi della garanzia sui vizi occulti delle auto e il diritto di recesso per gli acquisti fatti in negozio) ma si tratta piuttosto di una responsabilità del trasportatore a cui è stato inizialmente affidato, si presume, in condizioni ottimali.

Il risarcimento danni per la merce danneggiata rientra perfettamente nella disciplina prevista dall’articolo 2043 del Codice civile secondo cui: ‘qualunque fatto, doloso o colposo, che cagioni ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno’.

Per poter avanzare una richiesta di risarcimento danni per la merce danneggiata sarà necessario, anzitutto, non aver accettato il pacco apponendo la firma che solitamente viene messa frettolosamente senza prima esaminare la confezione.

E’ importante sapere che in presenza di un qualunque sospetto, o perché evidente esteriormente, o perché agitando la confezione si sentano rumori anomali, è proprio diritto accettare la spedizione ‘con riserva’. Solo così si potrà contestare un eventuale danno che, altrimenti, risulterà provocato una volta effettuata cn successo la consegna.

Secondo dettaglio importante riguarda la tempistica della contestazione del danneggiamento: si hanno a disposizione fino a 8 mesi per contestare al corriere il danno, ovviamente documentato mediante 1) la prova dell’avvenuto acquisto, 2) il valore della merce di che trattasi e 3) l’effettivo danneggiamento con una foto inequivocabile.

Nel caso in cui il bene sia totalmente inservibile, il risarcimento danni corrisponderà all’intera cifra pagata per l’acquisto, quindi comprensiva di eventuali spese di spedizione e di IVA ma senza che su questo importo sia ulteriormente applicabile l’IVA in quanto non si tratta del corrispettivo per un bene o un servizio reso al danneggiato.

Nel caso in cui il danneggiamento renda parzialmente inservibile l’oggetto, a parere di chi scrive l’importo del risarcimento può coincidere con la somma delle spese necessarie alla riparazione, quindi inclusive di trasporto e IVA applicata dal riparatore.

Come sempre, la contestazione e la richiesta di risarcimento sarà opportuno che oltre a essere inoltrata mediante e-mail o con una telefonata al servizio clienti, sia inviata mediante PEC o lettera raccomandata con avviso di ricezione al fine di poter provare la richiesta nelle forme e nei tempi corretti qualora si debba ricorrere, probabilmente al Giudice di pace, per far valere i propri diritti.

Photo credit, Adobe Stock license 229574834



permesso provvisorio di guida dei Carabinieri

Quando NON vale il permesso provvisorio di guida dei Carabinieri

Ottenere un permesso provvisorio di guida dei Carabinieri è semplicissimo recandosi in una qualunque Stazione e dichiarando di avere perso o di aver subito il furto della propria patente di guida ma ci sono limiti alla sua validità...

depenalizzato il reato di resistenza a pubblico ufficiale

E’ depenalizzato il reato di resistenza a Pubblico ufficiale?

A tutti gli insofferenti agli ordini provenienti da una qualunque Autorità diciamo subito che non è stato ancora depenalizzato il reato di resistenza a Pubblico ufficiale ma...

lavoro subordinato

Lavoro subordinato e Associazione in partecipazione

La Corte di Cassazione si è pronunciata con l'Ordinanza nr. 6893 del 2022 sulla riconducibilità del rapporto di lavoro al contratto di associazione in partecipazione oppure al contratto di lavoro subordinato con retribuzione commisurata agli utili...

pensione alla casalinga sposata

Quale pensione alla casalinga sposata?

Nel caso sia la moglie a occuparsi della gestione della casa (e della famiglia), la Legge prevede il pagamento della pensione alla casalinga sposata a condizione che abbia aderito per tempo all'apposito Fondo...

cane legato

Occhio a lasciare il cane legato fuori o all’interno di un negozio

Lasciare il cane legato per allontanarsi a fare la spesa può costare caro. Pubblichiamo un articolo dell'avv. Portoghese che illustra i casi più frequenti di responsabilità del proprietario...

il valore della firma scansionata

Quale è il valore della firma scansionata?

Nel sovrapporsi degli strumenti informatici disponibili sorge legittimamente il dubbio su quale sia il valore della firma scansionata e apposta a un documento scambiato in forma digitale...