Il valore della nuda proprietà

valore della nuda proprietà

Sembrerebbe superfluo precisare come il valore della nuda proprietà sia inferiore rispetto al valore della piena proprietà, e ciò per il semplice fatto che, nella formula classica, al venditore viene riservato il diritto di usufrutto sull’immobile venduto.

Secondo l’art. 979 del Codice civile, l’usufrutto non può eccedere la vita dell’usufruttuario estinguendosi con la morte di quest’ultimo. Va da sé quindi che, quanto più giovane sia l’usufruttuario, quanto minore sarà il valore della nuda proprietà dovendo presumibilmente posticiparsi di molti anni la riunione del diritto di godere di quell’immobile in capo al nudo proprietario.

Vediamo alcuni esempi per comprendere il valore della nuda proprietà rispetto alla proprietà piena: nel caso di un immobile il cui valore sia di € 300 mila e l’età dell’usufruttuario di 50 anni, il valore della nuda proprietà sarà di appena € 90 mila. Nel caso l’età fosse di 70 anni, il valore sarebbe di € 180 mila. Nel caso l’età fosse di 80 anni, il valore sarebbe di € 225 mila.

Comprare una nuda proprietà da un venditore anziano che non abbia evidentemente interesse a lasciare quel determinato immobile a un erede specifico, magari per soddisfare la propria o di qualche congiunto necessità di liquidità, gli garantisce la permanenza nella propria abitazione ‘a vita‘ aiutando al contempo il figlio o il nipote in difficoltà.

Come visto in altro approfondimento, l’acquisto della nuda proprietà è ovviamente lasciato alla libera trattativa tra le parti, ciascuna mossa dalle proprie motivazioni, purché libere da forzature e condizionamenti di sorta.

Solo nell’eventualità in cui il prezzo convenuto sia inferiore alla metà del valore attribuito a quell’immobile da una stima precisa e il nudo proprietario abbia approfittato dello stato di bisogno del venditore sarà possibile l’azione di rescissione ai sensi dell’art. 1448 del Codice civile che così recita infatti:

‘Se vi è sproporzione tra la prestazione di una parte e quella dell’altra, e la sproporzione è dipesa dallo stato di bisogno di una parte, del quale l’altra ha approfittato per trarne vantaggio, la parte danneggiata può domandare la rescissione del contratto. L’azione non è ammissibile se la lesione non eccede la metà del valore che la prestazione eseguita o promessa dalla parte danneggiata aveva al tempo del contratto. La lesione deve perdurare fino al tempo in cui la domanda è proposta.’

Il significato di nuda proprietà | L’acquisto della nuda proprietà | Il valore della nuda proprietà | Si può vendere la nuda proprietà? | Nuda proprietà e prima casa, le agevolazioni fiscali

Photo credit, Adobe Stock license 82632888



pensione alla casalinga sposata

Quale pensione alla casalinga sposata?

Nel caso sia la moglie a occuparsi della gestione della casa (e della famiglia), la Legge prevede il pagamento della pensione alla casalinga sposata a condizione che abbia aderito per tempo all'apposito Fondo...

cane legato

Occhio a lasciare il cane legato fuori o all’interno di un negozio

Lasciare il cane legato per allontanarsi a fare la spesa può costare caro. Pubblichiamo un articolo dell'avv. Portoghese che illustra i casi più frequenti di responsabilità del proprietario...

il valore della firma scansionata

Quale è il valore della firma scansionata?

Nel sovrapporsi degli strumenti informatici disponibili sorge legittimamente il dubbio su quale sia il valore della firma scansionata e apposta a un documento scambiato in forma digitale...

denuncia per aggressione le conseguenze penali

Denuncia per aggressione, le conseguenze penali

Premesso che non è aggressione solo quella fisica ma anche quella verbale, nel caso di una denuncia per aggressione le conseguenze penali variano a seconda delle aggravanti e delle lesioni riportate dalla vittima

coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Dopo la loro larghissima diffusione nel '900 in àmbito industriale e residenziale, coperture in Eternit e obbligo di rimozione rappresentano un costoso e pericoloso problema da valutare caso per caso...

il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Decorso il termine entro il quale doveva obbligatoriamente essere emessa fattura è possibile procedere autonomamente con il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica al fine di evitare le pesanti sanzioni altrimenti previste