Quando viene pagato il Trattamento di Fine Rapporto?

quando viene pagato il trattamento di fine rapporto

Qualunque sia la ragione per cui il rapporto di lavoro si interrompa, il lavoratore ha sempre diritto di ricevere il TFR accantonato negli anni dal datore di lavoro, e di fronte alle difficoltà della non occupazione, è più che legittima una certa apprensione fino a quando viene pagato il Trattamento di Fine Rapporto…

Tra i tanti oneri che ricadono sul datore di lavoro c’è infatti l’accantonamento di un importo, proporzionato alla retribuzione annua secondo un criterio che vedremo di seguito, a cui il lavoratore avrà diritto sempre, senza alcun vincolo circa l’uso che ne voglia fare e senza che rilevi se all’origine vi sia stato un licenziamento volontario col dovuto preavviso, il licenziamento per superamento del periodo del comporto o qualunque altra ragione di cessazione del rapporto di lavoro subordinato.

Secondo l’attuale disciplina del TFR, l’importo spettante si ottiene dividendo la retribuzione dell’anno in corso per 13,5 e aggiungendo a questo importo, negli anni seguenti, un tasso fisso dell’1,5% a cui aggiungere il 75% del tasso che l’ISTAT indichi per ciascun anno.

Ipotizzando quindi che la retribuzione annua sia di 24 mila Euro e applicando il primo coefficiente del 13,5% (€ 24.000 : 13,5 = € 1.777,78) si otterrebbe un importo base del TFR di € 1.777,78 nell’anno in corso al quale aggiungere negli anni seguenti il primo tasso dell’1,5% (€ 1.777,78 x 1,5% = € 26,67) pari a € 26,67 e il secondo tasso pari al 75% dell’inflazione annua secondo l’ISTAT che nel 2022 è stata del 5,7% (quindi 5,7 x 75% = 4,275%) traducendosi in ulteriori 76 Euro (€ 1.777,78 x 4,275% = € 76 ) per un TFR ipotetico riferibile al 2022 di € 1.880,45 (€ 1.777,78 + € 26,67 + € 76).

Ovviamente, il Trattamento di Fine Rapporto non è esente dalle tasse che lo colpiranno proporzionalmente a seconda del relativo importo, crescente a partire dal 15% se pari o inferiore a € 15 mila, del 27% fino a € 27 mila e, per la parte eccedente questo importo, del 38% fino a € 55 mila, del 41% fino a € 75 mila e del 43% se ancora superiore.

Ciò premesso, quando viene pagato il Trattamento di Fine Rapporto?
Il TFR viene pagato alla fine del rapporto di lavoro, per qualunque ragione esso si concluda: raggiungimento dell’età per la pensione, licenziamento, dimissioni, perfino fallimento (in questo caso non dal datore di lavoro ma dall’INPS) o decesso del lavoratore (agli eredi).

Per completezza va detto che esiste un’eccezione rispetto a quanto detto a proposito di quando viene pagato il Trattamento di Fine Rapporto e consiste nel caso in cui il lavoratore chieda l’anticipo del TFR come previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio nr. 51 del 2020.

Le condizioni sono piuttosto stringenti visto che, anzitutto, potrà essere chiesto solo dal lavoratore che ne abbia bisogno con urgenza o per l’acquisto della prima casa, o per far fronte a spese sanitarie straordinarie, o per la nascita di un figlio (solo il padre!), oppure infine per investire nella propria formazione professionale.

In tutto ciò, nemmeno si potrà riscuotere l’intero TFR ma al massimo i 70% di quanto maturato lasciando obbligatoriamente il residuo 30% ad assolvere a funzione originariamente prevista di ammortizzatore nel caso di improvvisa perdita del lavoro.

Photo credit, Adobe Stock license 208759066



permesso provvisorio di guida dei Carabinieri

Quando NON vale il permesso provvisorio di guida dei Carabinieri

Ottenere un permesso provvisorio di guida dei Carabinieri è semplicissimo recandosi in una qualunque Stazione e dichiarando di avere perso o di aver subito il furto della propria patente di guida ma ci sono limiti alla sua validità...

depenalizzato il reato di resistenza a pubblico ufficiale

E’ depenalizzato il reato di resistenza a Pubblico ufficiale?

A tutti gli insofferenti agli ordini provenienti da una qualunque Autorità diciamo subito che non è stato ancora depenalizzato il reato di resistenza a Pubblico ufficiale ma...

lavoro subordinato

Lavoro subordinato e Associazione in partecipazione

La Corte di Cassazione si è pronunciata con l'Ordinanza nr. 6893 del 2022 sulla riconducibilità del rapporto di lavoro al contratto di associazione in partecipazione oppure al contratto di lavoro subordinato con retribuzione commisurata agli utili...

pensione alla casalinga sposata

Quale pensione alla casalinga sposata?

Nel caso sia la moglie a occuparsi della gestione della casa (e della famiglia), la Legge prevede il pagamento della pensione alla casalinga sposata a condizione che abbia aderito per tempo all'apposito Fondo...

cane legato

Occhio a lasciare il cane legato fuori o all’interno di un negozio

Lasciare il cane legato per allontanarsi a fare la spesa può costare caro. Pubblichiamo un articolo dell'avv. Portoghese che illustra i casi più frequenti di responsabilità del proprietario...

il valore della firma scansionata

Quale è il valore della firma scansionata?

Nel sovrapporsi degli strumenti informatici disponibili sorge legittimamente il dubbio su quale sia il valore della firma scansionata e apposta a un documento scambiato in forma digitale...