Il giusto tempo di preavviso per il licenziamento

tempo di preavviso per il licenziamento

A seconda dello specifico contratto collettivo applicabile e delle ore settimanali previste, il giusto tempo di preavviso per il licenziamento da parte del datore di lavoro varia come mostrato dalle tabelle che seguono.

Questo diritto è infatti previsto dall’art. 2118 del Codice civile, sia per il dipendente che per il datore di lavoro, così disponendo: Ciascuno dei contraenti può recedere dal contratto di lavoro a tempo indeterminato, dando il preavviso nel termine e nei modi stabiliti dalle norme corporative, dagli usi o secondo equità.

Nel caso del licenziamento, anche il datore di lavoro è quindi tenuto a rispettare un tempo di preavviso minimo, diverso a seconda del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro nonché a seconda del numero di ore settimanali di lavoro previste.

La durata del preavviso, che è quindi il periodo intercorrente tra la data di comunicazione del recesso dal rapporto di lavoro e il momento in cui esso diviene efficace, diviene particolarmente importante nel caso in cui non sia rispettato dal datore di lavoro giacché, in base ai giorni di preavviso mancati, e della retribuzione del dipendente, si potrà calcolare la cosiddetta indennità sostitutiva spettante al lavoratore.

Il mancato rispetto del preavviso potrebbe essere una scelta calcolata del datore di lavoro che, volendo liberare immediatamente il dipendente da ogni obbligo lavorativo nei propri riguardi, opti per il cosiddetto preavviso non lavorato a cui segue necessariamente il pagamento dell’indennità sostitutiva.

Per completezza sottolineiamo che non contano ai fini del calcolo del giusto tempo di preavviso per il licenziamento i giorni di malattia, quelli per ferie, e quelli per il congedo di maternità fino al compimento del primo anno di vita del nuovo nato.

Non si dimentichi che, fuori dall’ipotesi di licenziamento per giusta causa ‘in tronco’, la funzione principale del preavviso, benché il rapporto di lavoro continui regolarmente, è quella di permettere al dipendente di trovare un nuovo impiego con il quale sostentarsi per cui quale è il giusto tempo di preavviso per il licenziamento ed è sempre dovuto il preavviso?

Oltre al licenziamento ‘in tronco’ per giusta causa, il preavviso è escluso quando la natura del contratto di lavoro non facesse presupporre a una continuità certa. E’ il caso del contratto di lavoro subordinato a un periodo di prova, quando scada il periodo di prova appunto, oppure in tutti i contratti di lavoro a tempo determinato che si intendono validi sino alla scadenza convenuta se non intervenga prima una giusta causa di licenziamento.

Nel caso in cui il contratto preveda un impegno superiore a 24 ore settimanali:

Meno di 5 anni di anzianità15 giorni
Più di 5 anni di anzianità30 giorni
Preavviso per licenziamento per contratti oltre 24 ore settimanali

Nel caso in cui il contratto preveda un impegno inferiore a 24 ore settimanali:

Meno di 2 anni di anzianità8 giorni
Più di 2 anni di anzianità15 giorni
Preavviso per licenziamento per contratti fino a 24 ore settimanali


calcola l'imposta di registro sulla prima casa

Come si calcola l’imposta di registro sulla prima casa?

Nel valutare l'onerosità dell'acquisto di un immobile vanno considerate una serie di spese accessorie e sapere quando e come si calcola l'imposta di registro sulla prima casa può essere molto utile...

legittimo l'obbligo vaccinale

Legittimo l’obbligo vaccinale: multe dovute e addio stipendio

La Corte costituzionale ha anticipato la sentenza con la quale ha dichiarato legittimo l'obbligo vaccinale e ineludibile quindi l'obbligo di pagamento delle sanzioni senza possibilità di ricevere alcuna retribuzione per il periodo di sospensione...

usurarietà del finanziamento

L’assicurazione concorre alla usurarietà del finanziamento

Il costo dell'assicurazione proposta in occasione di un prestito o di un mutuo concorre a determinare la usurarietà del finanziamento e attribuisce al cliente il diritto di ottenere lo stralcio di ogni somma pattuita in conto interessi!

articolo 5 NATO

Cos’è l’articolo 5 NATO e cosa comporta

Dall'inizio delle ostilità in Ucraina si è iniziato subito a parlare dell'articolo 5 NATO, sia da parte della Russia che dei Paesi confinanti le aree interessate. Vediamo cos'è e cosa comporta concretamente...

truffa FTX

Conseguenze (e speranze) dopo la presunta truffa FTX

Chiunque abbia investito in FTX può giustamente sentire il sangue gelare nelle vene da quando la nota piattaforma ha dichiarato bancarotta e si sente parlare di una presunta truffa FTX dalle dimensioni colossali

locazione di una casa vacanze

Aspetti legali della locazione di una casa vacanze

Tra le varie forme di locazione di un immobile abitativo c'è quello degli affitti turistici ed è quindi opportuno valutare tutti gli aspetti legali della locazione di una casa vacanze per evitare sgradite sorprese...