A che età si prende la pensione sociale e a quanto ammonta?

a che età si prende la pensione sociale

La domanda corretta sarebbe non tanto a che età si prende la pensione sociale ma a che età si prende l’assegno sociale: da quasi 30 anni infatti l’assegno sociale ha sostituito la pensione sociale anche se lo spirito di questa prestazione resta invariato.

Abbiamo già trattato la confusione ricorrente nel parlare comune tra pensione minima e pensione sociale e rimandiamo all’articolo citato per ogni chiarimento.

In questa sede, per i nostalgici della precedente denominazione che si domandino a che età si prende la pensione sociale, diciamo subito che l’età minima per farne richiesta è di 67 anni ma questo non è l’unico requisito…

In quanto prestazione economica con lo scopo di fronteggiare una situazione di difficoltà economica che si suppone e ci si augura provvisoria, un secondo requisito consiste nel dimostrare la temporanea situazione di disagio che terrà in conto dello stato libero o in qualunque forma ‘unito’ del richiedente, testimoniato nel primo caso da un reddito che non dovrà superare i 6.085,30 Euro annuali e, nel secondo caso, i 12.170,60 Euro annuali.

La prestazione che, come detto, è temporanea e revocabile quando il limite reddituale risultasse superato, è inoltre non reversibile (cioè non trasmissibile in eredità ai familiari superstiti) in quanto concesso e commisurato sulla situazione specifica del richiedente e non più attuale in caso di sua mancanza.

Una volta quindi chiarito a che età si prende la pensione sociale e quale sia il reddito massimo per avere diritto agli assegni sociali, l’ultimo requisito necessario è quello della residenza effettiva in Italia per i Cittadini italiani, i Cittadini comunitari iscritti all’Anagrafe, i Cittadini extracomunitari familiari di un Cittadino comunitario, i Cittadini extracomunitari titolati di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo nonché i Cittadini stranieri o Apolidi titolari dello status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria.

A differenza di altre prestazioni erogate dall’INPS indipendentemente da dove il beneficiario soggiorni o risieda, nel caso in cui il richiedente trascorra all’estero più di 29 giorni gli assegni sociali verranno sospesi in attesa di accertamenti e, qualora si accerti che sia residente all’estero, non avrà diritto all’assegnazione della prestazione (o ne perderà il diritto, con obbligo di restituzione di quanto percepito) non solo nel caso in cui si accerti che sia formalmente iscritto all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) ma anche in tutti i casi in cui trascorra fuori dall’Italia la maggior parte dell’anno!

Il calcolo di quanto effettivamente erogato varia a seconda delle condizioni economiche del richiedente ma la misura intera della prestazione a cui ha diritto chi non sia coniugato e non possieda alcun reddito consiste in 468,10 (quattrocento sessantotto virgola dieci) Euro mensili, per 13 (tredici) mensilità.

La richiesta può essere presentata autonomamente sul portale INPS dopo essersi autenticati con lo SPID (si veda, per chiarimenti, A cosa serve lo SPID?).

Per quanto qui eventualmente non trattato, si veda la specifica scheda informativa di INPS oppure si chieda un nostro Parere legale on-line entro 24 ore a € 19.90

Photo credit, Adobe Stock license 139052043



pensione alla casalinga sposata

Quale pensione alla casalinga sposata?

Nel caso sia la moglie a occuparsi della gestione della casa (e della famiglia), la Legge prevede il pagamento della pensione alla casalinga sposata a condizione che abbia aderito per tempo all'apposito Fondo...

cane legato

Occhio a lasciare il cane legato fuori o all’interno di un negozio

Lasciare il cane legato per allontanarsi a fare la spesa può costare caro. Pubblichiamo un articolo dell'avv. Portoghese che illustra i casi più frequenti di responsabilità del proprietario...

il valore della firma scansionata

Quale è il valore della firma scansionata?

Nel sovrapporsi degli strumenti informatici disponibili sorge legittimamente il dubbio su quale sia il valore della firma scansionata e apposta a un documento scambiato in forma digitale...

denuncia per aggressione le conseguenze penali

Denuncia per aggressione, le conseguenze penali

Premesso che non è aggressione solo quella fisica ma anche quella verbale, nel caso di una denuncia per aggressione le conseguenze penali variano a seconda delle aggravanti e delle lesioni riportate dalla vittima

coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Coperture in Eternit e obbligo di rimozione

Dopo la loro larghissima diffusione nel '900 in àmbito industriale e residenziale, coperture in Eternit e obbligo di rimozione rappresentano un costoso e pericoloso problema da valutare caso per caso...

il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica

Decorso il termine entro il quale doveva obbligatoriamente essere emessa fattura è possibile procedere autonomamente con il ravvedimento per il tardivo invio della fattura elettronica al fine di evitare le pesanti sanzioni altrimenti previste